LiberoReporter

Omicidio pensionata a Rho, accusato del delitto del 17 agosto scorso il vicino

Un uomo di 53 anni, vicino di casa della pensionata di 73 anni uccisa lo scorso 17 agosto a Rho, in provincia di Milano, è stato arrestato dai carabinieri del comando provinciale di Milano con l’accusa di omicidio volontario. Secondo le ricostruzioni degli uomini dell’arma, avrebbe agito per per soldi. 

carabinieri-palettaIl vicino avrebbe agito per soldi. Sarebbe questo il movente, dietro l’omicidio della pensionata di 73 anni, uccisa il 17 agosto scorso nella sua abitazione a Rho. L’uomo di 53 anni, già noto alla giustizia, è stato arrestato dai carabinieri del comando provinciale di Milano con l’accusa di omicidio volontario. Dalla una prima ricostruzione sembra che l’uomo avrebbe aspettato l’uscita dell’ex moglie alle 16 e si sarebbe, poi, introdotto nella casa della vicina per derubarla. Poi alle 17 è andato via. Dopo l’uccisione l’uomo se ne è andato in fretta verso casa a Varese. Dall’appartamento ha portato via pochi oggetti, tra cui un ciondolo, un orologio e un orecchino. La donna è stata ammazzata con un coltello, ancora non ritrovato. La vittima si è difesa inizialmente in salotto, poi è stata accoltellata e trascinata in bagno. L’uomo, coinvolto secondo le indagini anche in un giro di spaccio, aveva fatto una richiesta di un prestito a una finanziaria di tremila euro, che gli era stato negato. Il sindaco di Rho si è complimentato con le forze dell’ordine. “Ora giustizia è fatta” ha detto il primo cittadino Pietro Romano.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends