LiberoReporter

Stupri Rimini: si aprono porte carcere per i tre minorenni




Si aprono le  porte del carcere per i tre minorenni che sono indagati per gli stupri avvenuti a Rimini ai danni di una giovane polacca e di una trans peruviana in concorso con il maggiorenne congolese Guerlin Butungu, che intanto ha cambiato versione, rispetto a quella fornita al momento dell’arresto. 

stupri-riminiCustodia cautelare in carcere per tutti e tre gli indagati e divieto di comunicare tra di loro. E’ la decisione del Gip del tribunale per i minorenni di Bologna, Anna Filocamo, per quanto riguarda i fratelli marocchini di 15 e 17 anni e il nigeriano di 16, accusati in concorso con il 20enne Guerlin Butungu dei due stupri della notte tra il 25 e il 26 agosto a Miramare di Rimini e di lesioni e rapina aggravata.
La versione de congolese è cambiata. Finora aveva sostenuto di essersi addormentato in spiaggia dopo una festa mentre erano stati compiuti gli stupri. Ora invece afferma di essere stato presente alle violenze ma che a compierle sono stati i tre minorenni, i due fratelli marocchini e il nigeriano. Il congolese sostiene che, mentre loro violentavano a turno la 26enne polacca, lui teneva fermo il compagno ma senza fargli del male. Il giudice non ha ancora convalidato il fermo, né deciso per le misure cautelari.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends