LiberoReporter

Attentato Barcellona: 13 morti quasi cento feriti, due arresti ma non attentatore

Sembra ormai il copione prestabilito, da ripetersi ogni volta e purtroppo avviene con facilità: un furgone, un auto o un camion lanciato a folle velocità contro pedoni inermi. E’ toccato questa volta a Barcellona, in Spagna, e gli spagnoli ritornano con la mente all’incubo del 2004, quando al-Qaeda, fece scoppiare una serie di bombe in contemporanea su alcuni treni. Oggi, nella zona delle Ramblas, i morti sono 13, al momento. Un arresto effettuato, mentre Is rivendica l’attacco terroristico. La notizia che qualcuno si era asserragliato in un negozio, pare sia una notizia non vera.
IL LIVE DI QUESTO FATTO DI CRONACA SI TROVA ALLA FINE DELL’ARTICOLO (dopo la pubblicità in basso. Non serve fare refresh, si aggiorna da solo)

LA CRONACA

Terrore a Barcellona dove un furgone contro la folla ha travolto decine di pedoni sulla Rambla di Canaletes. Il bilancio al momento è di 13 morti. Lo scrive El Pais citando fonti della polizia. Secondo La Vanguardia, oltre ai 13 morti vi sono una trentina di feriti, due dei quali in condizioni critiche.

Dopo l’attacco il furgone si è schiantato contro un chiosco. Le forze di sicurezza sono a caccia di due persone. L’uomo alla guida del furgone è asserragliato insieme a un’altra persona nel ristorante turco ‘La Luna di Istanbul’. Sono armati e uno dispone di un’arma a canna lunga. La polizia sta negoziando con loro. Nel locale ci sono ostaggi.

ATTACCO TERRORISTICO – La polizia di Barcellona ha confermato che è stato un “attacco terroristico. E’ stato attivato il protocollo per gli attentati terroristici”, si legge in un tweet dei Mossos, la polizia del capoluogo catalano.

La polizia catalana ha ritrovato a Vic, vicino Barcellona, il secondo furgone che gli attentatori avrebbero affittato per scappare dopo aver compiuto l’attentato alla rambla a Barcellona. Ne dà notizia l’emittente televisiva spagnola TV3 che cita fonti ufficiali.

Il furgone utilizzato per compiere l’attentato terroristico sarebbe stato affittato da un islamico. Lo riferisce la rivista spagnola Intervíu citando fonti ufficiali.

La gente presa dal panico si è accalcata nelle strade adiacenti. “Evitate la zona delle Ramblas per non ostacolare le operazioni di soccorso”, ha scritto la polizia su Twitter.

La polizia ha imposto la chiusura dei negozi della zona e decine di clienti sono rimasti all’interno dei locali. Le autorità hanno invitato a restare chiusi in casa.

La Cia, secondo quanto riferisce il quotidiano spagnolo El periodico, aveva allertato i Mossos due mesi fa sulla possibilità che Barcellona, ​​e in particolare la Rambla, potesse essere lo scenario di un attentato terrorista.

ARRESTATO SOSPETTO – Per l’attentato è stato arrestato un sospetto. Lo scrive El Independiente, mostrando una foto diffusa dalla polizia del sospetto.

La Guardia Urbana ha raccomandato alle persone che si trovavano nella zona dell’attacco, e che stanno bene, di avvisare i propri familiari attraverso i social network e non via telefono per non far crollare le reti telefoniche.

(LIVE PIU’ IN BASSO)

Encatena - Your content marketing platform
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends