LiberoReporter

Come giocano gli italiani? Ecco qualche dato

game-onlineGli italiani amano molto il gioco d’azzardo, si sa, ma è interessante scoprire “come” giocano e dove preferiscono spendere i loro soldi. A darci qualche dato è l’Economist, a margine di un report sulla diffusione del gioco d’azzardo nel mondo. Tanti i miti sfatati sul gioco d’azzardo, anche sul nostro Bel Paese.

Sapevate ad esempio che la più grande fiera del settore del gioco d’azzardo si tiene a Londra, e non a Las Vegas? Nella classifica del report sul gioco d’azzardo nel mondo, d’altro canto, noi italiani veniamo prima della Gran Bretagna: siamo il nono paese al mondo per perdite di denaro, nel gioco d’azzardo legale. Colpa anche forse di un payout troppo basso rispetto a quello americano, anche se nel gioco online le cose vanno un po’ meglio.

Sempre nella stessa classifica, siamo al quarto posto per volume delle perdite su scala nazionale: 19 miliardi di dollari. Peggio di noi solo USA, Cina e Giappone, paesi ben più popolosi dei nostri. Nel 2016, in Italia, il gioco d’azzardo ha raggiunto la quota record di 95 miliardi di euro. Soldi che, per la maggior parte, sono finiti nelle slot machine, in parte nelle lotterie e un altro po’ in gioco online e scommesse.

Alle slot, però, ogni italiano perde 200 dollari all’anno. Nel nostro paese, d’altro canto, sono installate ben 400.000 slot-machine, pari a una macchinetta ogni 150 abitanti. Sul gioco online siamo ancora un po’ indietro, rispetto ad altri paesi europei: in paesi come Irlanda, Norvegia e Gran Bretagna si gioca molto più dietro a uno schermo, che a un tavolo verde. Considerando che nel nostro paese ci sono solo 4 casinò, molto pochi rispetto al resto del mondo, gli italiani giocano già parecchio, ma non è il casinò – appunto – che attira l’attenzione dei più.

Secondo alcuni dossier, inoltre, solo a Roma ci sarebbe il 12% delle macchinette installate sul territorio nazionale. Qualcuno, per questo, ha ribattezzato Roma “la Capitale del gioco d’azzardo”. In realtà, il problema interessa un po’ tutta la penisola. Proprio a Roma però la sindaca Raggi si è interessata a queste tematiche e ha deliberato una serie di regole severe che normano l’azzardo. Virginia Raggi ha anche scritto una veemente lettera al Corriere della Sera.

 

 

 

 

 

 

(AS)

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends