LiberoReporter

Brindisi: operazione antiterrorismo, arrestato congolese affiliato a Is

E’ stato già ospite del centro permanenza rifugiati di Brindisi e pare abbia avuto contatti in passato con Amri, l’attentatore al mercatino di Natale a Berlino. Nkanga Lutumba, congolese di 27 anni, residente in Germania, è stato arrestato dalla Digos della Questura di Brindisi. Con lui fermato anche un marocchino, entrambe ben radicalizzati nella “galassia” Is.

polizia

Un’operazione antiterrorismo è stata messa a segno dalla polizia di Brindisi. L’attività investigativa condotta dalla Digos della Questura di Brindisi, sotto la direzione della Procura della Repubblica presso la Dda di Lecce e della Procura nazionale antimafia e antiterrorismo, ha portato all’arresto di un ventisettenne congolese per il reato di associazione con finalità di terrorismo internazionale. L’uomo, residente in Germania già ospite del centro permanenza per rifugiati di Restinco (Brindisi), è ritenuto membro di una cellula salafita operante a Berlino.

I poliziotti della Digos di Brindisi hanno accertato la totale adesione all’ideologia dello Stato Islamico di Nkanga Lutumba e di un altro membro della cellula residente a Berlino, il 22enne marocchino Amri Soufiane, espulso dal territorio italiano. Quest’ultimo, peraltro, è risultato essere in contatto con il tunisino Anis Amri, autore dell’attentato al mercatino di Natale a Berlino il 19 dicembre 2016. Le attività tecniche hanno permesso di riscontrare il loro percorso di radicalizzazione religiosa e la disponibilità a compiere atti violenti, anche con il sacrificio personale, in diversi scenari operativi.

Le indagini – sviluppate con il coordinamento del Servizio centrale antiterrorismo della Dcpp/Ucigos e il supporto del Servizio cooperazione internazionale di polizia che ha in particolare assicurato il raccordo con le autorità tedesche – hanno tra l’altro consentito di individuare e neutralizzare le progettualità della cellula, composta da ben 11 membri.

Encatena - Your content marketing platform
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends