LiberoReporter

Slavina hotel Farindola: 3 morti recuperati e un altra vittima individuata

Aggiornamento 21.35 Quattro i morti al momento accertati, tre dei quali recuperati, mentre il quarto corpo esanime è stato individuato ma non ancora estratto.

Aggiornamento 13.35 – Il sindaco di Farindola ha comunicato che il corpo di un’altra vittima è stato recuperato dai soccorritori accorsi per cercare di liberare le persone sepolte dalla neve all’interno dell’Hotel Rigopiano.

Aggiornamento 10.30 – I soccorritori accorsi con fatica per cercare di liberare quasi trenta persone sepolte dalla slavina che ha colpito l’hotel Rigopiano di Farindola, dopo aver tratto in salvo due persone nelle prime ore del mattina, hanno recuperato pochi minuti fa una persona deceduta. L’hotel è situato nel Parco Nazionale del Gran Sasso, si trova a 1.200 metri d’altitudine. La slavina, secondo le prime notizie diramate dal Soccorso Alpino, è di immense dimensioni, motivo per cui si fa molta fatica per cercare i dispersi. Con il passare delle ore, si affievoliscono le speranze di trovare all’interno dell’hotel ancora qualcuno in vita. La neve ha invaso totalmente l’albergo e la temperatura è rigidissima.

I soccorritori sono arrivati a alle prime luci dell’alba a Farindola, località in provincia di Pescara, dove ieri un Hotel, esattamente il Rigopiano, è stato travolto da una slavina a seguito delle forti scosse di terremoto di ieri 18 gennaio. Le squadre di soccorso hanno dovuto faticare moltissimo per raggiungere il luogo, a causa delle abbondanti nevicate. Subito all’opera, sono riusciti a mettere in salvo due uomini che avevano trascorso la notte in auto. Rimangono ancora da cercare e mettere in salvo oltre una ventina di persone, tra ospiti dell’hotel e personale di servizio.

Video (immagini della trasmissione “Chi l’ha visto?”)

loading...
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends