LiberoReporter

Aereo dirottato a Malta, si arrendono due dirottatori

2520
Aggiornamento 18.00 – Dopo alcune ore sono stati rilasciati tutti i passeggeri e i membri dell’equipaggio, mentre i dirottatori “si sono arresi e sono stati arrestati“. Lo ha dichiarato sul suo account Twitter il premier maltese, Joseph Muscat.

I dirottatori si chiamerebbero Mussa Shaha e Ahmed Ali, avrebbero intorno ai 30 anni e sarebbero originarie della Libia meridionale. Lo ha riferito un pilota dell’aereo, Ali Milad, citato dall’account Twitter di ‘Libya’s channel’.

14.40 – Due i dirottatori a bordo del volo libico Afriqiyah Airways A320, entrambi con parecchio esplosivo al seguito: la conferma è arrivata per bocca del presidente della stessa compagnia aerea, Abubaker Elfortia, citato da ‘Libya’s Channel’. Sono 65 i passeggeri finora rilasciati dai dirottatori, secondo quanto comunicato su twiiter dal premier maltese Joseph Muscat. L'”obiettivo” iniziale del dopo dirottamento era Roma: lo avrebbe affermato il pilota del volo dirottato.

La notizia della prima ora – Un aereo della Afriqiyah Airways, un A320 con 118 persone a bordo, 111 passeggeri e 7 membri di equipaggio, è stato dirottato ed è atterrato a Malta. L’aereo effettuava un volo di linea interno alla Libia, quando il pilota è stato costretto a cambiare rotta e dirigersi su Malta. Pare al momento che il dirottamento sia stato effettuato da un solo uomo che si definisce “Sostenitore di Gheddafi”. L’uomo avrebbe fatto delle richieste per liberare gli ostaggi, ma non si conoscono al momento i dettagli. Qualora non venissero accettate, ha comunque minacciato di far esplodere il velivolo.

Dalla pagina Facebook dello scalo maltese si ha la conferma che qualcosa di anomalo sta succedendo all’aeroporto: “Il Malta International Airport può confermare che c’è una situazione non autorizzata in aeroporto. Tutte le squadre di emergenza sono state inviate sul posto. I viaggiatori sono invitati a seguire gli aggiornamenti su www.maltairport.com”.

Encatena - Your content marketing platform
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends