LiberoReporter

Piani d’accumulo di capitale, la nuova sfida dei Millennials

Le sfide sul mercato digitale non finiscono mai, soprattutto in un settore in continuo fermento e sempre pronto ad “aggredire” nuove fette di mercato. È quanto sta accadendo nei confronti della generazione dei cosiddetti “Millennials”, la generazione di utenti nati tra il 1980 e il 2001 e con forte propensione al digitale e alle tecnologie.

mercato-digitaleSono proprio loro i potenziali protagonisti dei futuri investimenti, protagonisti di un passaggio generazionale di ingenti patrimoni. Ed è per questo che “colpire” questa generazione può essere un grande risultato, soprattutto per i player che già operano nel settore più frequentato dai Millennials, ossia il web e i social network. Cambiano in tal senso, quindi, tutte le mastodontiche strutture finanziarie, che hanno già investito – e continuano a destinare grandi quote – per permettersi un’adeguata infrastruttura digitale in grado di supportare ogni fase della User Experience, sia nel front office che nel back office.

Secondo quanto ha dichiarato a “Il Sole 24 Ore” Mauro Panebianco, partner di Pwc: “Bisogna sfruttare le potenzialità del digitale per disegnare una gamma molto più ampia di informazioni disponibili e proponendo servizi dinamici e innovativi. È fondamentale far vivere al cliente una nuova customer experience attraverso siti dinamici e robotici, in modo da attrarre utenti avvezzi ad utilizzare durante tutto l’arco della giornata gli strumenti digitali. Allo stesso tempo – conclude Panebianco – sarà importante raccogliere e analizzare le informazioni fornite dai clienti, anche per far evolvere i servizi di consulenza con un approccio digitale e su misura, con un’analisi anticipata dei bisogni e delle abitudini dell’investitore finale“.

Ed è per questo che, dopo che è cambiata l’offerta, sempre più votata al digitale, cambierà anche il ruolo del consulente. A confermarlo è la stessa Pwc, che ha proposto un sondaggio con ProfessioneFinanza ad un campione di oltre 500 consulenti finanziari. I clienti tra i 15 e 35 anni hanno un portafoglio non molto gonfio, spesso non ha un lavoro a tempo indeterminato e non mostrano grandi propensioni verso investimenti a lungo termine. In considerazione delle caratteristiche su citate, i Millennials preferiscono investire i propri risparmi in soluzioni come i piani d’accumulo di capitale o gli Etf. I rischi contenuti, una gestione più semplificata e un guadagno sicuramente meno importante ma con più certezze caratterizzano questa opzione d’investimento, e potrebbero corrispondere ai primi passi della generazione anagraficamente più giovane e più legata alla tecnologia. La chiave per fare breccia nel cuore dei Millennials è quindi la stessa evoluzione tecnologica: è infatti consigliabile un rapporto smart, senza fronzoli, con risposte chiare ed immediate e con linguaggi appropriati.

L’evoluzione tecnologica del pubblico che si rivolge ai Piani d’accumulo di Capitale è disegnata dagli algoritimi utilizzati dal robo advisor Moneyfarm, che hanno modificato il modo di investire: sempre più piccoli, compresi tra 10 e 50mila euro, e sempre più a misura del caro, vecchio salvadanaio, con rischi ridotti ai minimi termini grazie al controllo della volatilità dei mercati. Il piano d’accumulo del capitale è il punto di contatto più vicino alla generazione dei millennials, e le sue caratteristiche potrebbero fare la fortuna di tutti quei player che hanno puntato decisamente su questa formula d’investimento.

 

 

(AS)

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends