LiberoReporter

Terremoto: l’Esa rivela com’è cambiata la zona dopo scossa




Foto Esa

Foto Esa

Uno studio satellitare dell’Esa, rivela come è cambiata la zona colpita dal sisma, dopo le forti scosse di terremoto in Italia centrale (tra le provincie di Perugia, Riete e Ascoli Piceno) dove hanno perso la vita 290 persone. 20 centimetri di superficie deformata,

E’ cambiata l’area terrestre dell’Italia Centrale colpita dal sisma del 24 agosto che ora mostra una deformazione di circa 20 centimetri. La ‘fotografia’ è stata scattata e inviata dalla coppia di satelliti dell’Esa Sentinel 1B e Sentinel 1A che, “in due passaggi radar rispettivamente del 20 agosto (Sentinel-1B) e, post sisma, del 26 agosto (Sentinel-1A) scorsi, hanno rilevato i cambiamenti avvenuti durante il terremoto”. A riferirlo è l’Agenzia Spaziale Europea che ha diffuso oggi l’immagine interferometrica dell’Italia centrale colpita dal sisma.

Nell’immagine diffusa dall’Esa si vedono “sette ‘frange’ interferometriche che corrispondono a circa 20cm di superficie deformata nella linea visiva del sensore radar. Ogni ‘frangia’, che nell’immagine è associata ad un ciclo di colore, corrisponde approssimativamente a 2,8 cm di spostamento”.

“Nonostante il satellite Sentinel-1 abbia un’ampiezza del campo di osservazione (telerilevamento) delle superfici terrestri di 250 chilometri, il suo passaggio del 26 agosto sull’Italia non comprende tutta la zona colpita” avverte l’Esa spiegando che con “un’altra acquisizione” si “coprirà l’intera zona terremotata”.

1 COMMENT
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends