LiberoReporter

Ucraina: esplode autobomba a Kiev, ucciso giornalista Pavlo Sheremet

uccisio-pavlo-sheremet

Pavlo Sheremet, noto giornalista che lavorava per la testata investigativa Ukrayinska Pravda, è rimasto ucciso oggi nell’esplosione di un’auto nel centro di Kiev. Il giornalista, che conduceva anche un programma radiofonico su Radio Vesti, si stava recando a lavoro a bordo di un’auto intestata al capo redattore del giornale, e l’esplosione è avvenuta alle 7.30 del mattino ora locale.

Sheremet, che era originario della Bielorussia ed aveva 44 anni, viveva da cinque anni in Ucraina dopo aver lasciato il suo Paese a seguito di una condanna ricevuta per la sua attività di giornalista televisivo. Anche il fondatore dell’Ukrainska Pravda, il giornalista georgiano Georgiy Gongadze, è stato rapito ed assassinato nel 2000 e la polizia non ha mai trovato i suoi killer.

Secondo la ricostruzione fornita dal ministero dell’Interno ucraino, l’esplosione che questa mattina ha ucciso Pavel Sheremet, è stata provocata da un’ingente quantità, tra i 400 e i 600 grammi, di tritolo piazzato in un ordigno rudimentale esploso al passaggio dell’auto del giornalista.

L’omicidio è stato condannato dall’Osce, l’Organizzazione per la Sicurezza e la Coooperazione in Europa che monitora il conflitto in corso tra l’esercito ucraino e i separatisti filo russi nell’est del Paese. “L’attacco sanguinoso di questa mattina ci ricorda che la situazione della sicurezza dei giornalisti in Ucraina deve essere affrontata in modo efficace ed urgente”, ha dichiarato la rappresentante Osce per la libertà di stampa, Dunja Mijatovic.

3 COMMENTS
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends