LiberoReporter

Pavia: furti e rapine in ville fingendosi carabinieri, arrestati in sette




Fingendosi carabinieri, avrebbero commesso 82 tra furti e rapine in ville nelle varie province della Lombardia. Sette persone sono state arrestate oggi dai carabinieri di Pavia con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di rapine aggravate, furti aggravati, ricettazione ed utilizzo di segni distintivi contraffatti. I furti avvenivano per lo più ai danni di anziani, nelle province di Pavia, Lodi, Bergamo, Cremona, Piacenza, Brescia e Milano.

L’attività di indagine della Procura di Pavia è cominciata nel 2015 e ha permesso di documentare l’esistenza di un’associazione criminale di soggetti di nazionalità italiana di etnia sinti ed albanese che si qualificavano come carabinieri, esibendo falsi distintivi e tesserini e fingendo l’intervento sul posto a seguito di un furto.

Se scoperti, non avevano remore a minacciare le vittime, utilizzando spray urticante o immobilizzandole per poi svaligiare le abitazioni. L’attività d’indagine, avviata nel mese di ottobre 2015, ha consentito di accertare, tra rapine e furti, almeno 82 episodi. In una giornata i malviventi riuscivano a mettere a segno più colpi arrivando a guadagnare anche 50mila euro. Sono tuttora in corso accertamenti per definire l’eventuale responsabilità dei soggetti in numerosi analoghi altri episodi verificatisi principalmente in Lombardia ed Emilia Romagna.

 

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends