LiberoReporter

Parla il padre di Reeva Steenkamp: Pistorius deve pagare per la morte di mia figlia

caso-pistoriusDrammatica udienza stamani all’Alta Corte di Pretoria nell’atto conclusivo del processo a Oscar Pistorius per l’omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp. Pistorius, ha detto Barry Steenkamp, il padre della giovane uccisa nel 2013, “deve pagare” per quello che ha commesso. L’ex atleta è stato riconosciuto colpevole di omicidio, dopo che il tribunale aveva ribaltato il precedente verdetto di omicidio colposo. Venerdì, quando si concluderanno le udienze in corso, verrà annunciata la condanna, che prevede 15 anni di carcere.

Nella sua testimonianza, riporta la Bbc, il 73enne Barry Steenkamp, in lacrime ha raccontato come il suo pensiero continui ad andare alla figlia scomparsa, “la mattina, il pomeriggio, la notte… ogni ora”. La perdita di Reeva, ha raccontato l’uomo, è stata anche la causa di un ictus che lo ha menomato.

Barry Steenkamp ha riferito alla Corte di non avere più avuto contatti con Pistorius, ma che sua moglie June è stata capace di perdonare l’ex altleta olimpico e paralimpico. “Bisogna comprendere che il perdono non assolve dai crimini commessi. Lui deve capire il perché deve pagare per questo”, ha detto l’uomo.

Pistorius uccise Reeva Steenkamp all’alba del 14 febbraio, giorno di San Valentino, del 2013, sparando attraverso la porta del bagno del suo appartamento. L’ex atleta ha sempre detto di aver sparato temendo che un intruso fosse entrato nella sua abitazione. Nel 2014 venne condannato per omicidio colposo, ma dopo l’appello della Procura è stato riconosciuto colpevole di omicidio. Lo scorso ottobre ha ottenuto gli arresti domiciliari in attesa della sentenza che stabilirà la pena.

Encatena - Your content marketing platform
3 COMMENTS
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends