Connect with us

Salute

Zanzare: cosa fare, come difendersi e i miti da sfatare




zanzaraPiccola, fastidiosa zanzara. A quattro giorni dall’inizio dell’estate, in molti sono già alle prese con la caccia (non solo) notturna alle ‘succhia-sangue’. Ma chi non sopporta questi insetti molesti – e non vuole ricorrere a piastrine, creme o spray – quali rimedi ha a disposizione? Eccone alcuni: dai classici (chiodi di garofano, limone, citronella) a vere e proprie ‘trappole’ fai da te.

Limone – Mettete in un piatto due/tre fette di limone nell’aceto, gli insetti che non sopportano l’odore se ne staranno lontani. Stesso risultato si ottiene mettendo nel piatto mezza cipolla e alcuni chiodi di garofano. Nel caso di punture, passato sulla pelle, il limone può essere usato anche per lenire il prurito.

Menta – Oltre ai tradizionali oli essenziali, sul corpo si può usare un repellente fatto in casa facendo bollire, per 20 minuti, due mazzetti di menta e uno di basilico. Una volta filtrata, quest’acqua profumata si tiene in frigorifero e si spruzza sul corpo di sera, quando arrivano le zanzare.

ALLEVIARE IL PRURITO – Un cubetto di ghiaccio avvolto in un fazzoletto di cotone, passato sulla bolla, potrebbe ridurre la voglia di grattarsi grazie all’effetto del freddo.

Dentifricio – L’effetto mentolato dà un sollievo veloce: applicate e lasciate per 15 minuti.

Sale – Diluito in acqua e passato sulla puntura, può aiutare a ridurre il fastidio.

Aloe Vera – Utilizzata sulla zona dove si sta avvertendo prurito, calma la fastidiosa sensazione.

Patata – L’amido contenuto nella patata è ideale per lenire l’irritazone dovuta alla puntura.

MITI DA SFATARE – Sempre a proposito di zanzare, attenzione alle soluzioni ‘della nonna’ contro il prurito: ad esempio, evitate di usare ammoniaca e di fare incisioni a X con le unghie sulla zona punta. Il primo rimedio, oltre che inutile, può risultare addirittura dannoso poiché responsabile di ustioni cutanee; il secondo rischia di peggiorare la situazione, espandendo la sostanza allergizzante e provocando lesioni alla pelle con le unghie, se non perfettamente pulite.

Luce – Non è la luce ad attirarle ma il calore dei corpi e l’anidride carbonica emessa nell’aria, il sudore, i profumi dolci e l’umidità.

Sangue – Non è il ‘sangue dolce’ che amano, ma quello ‘grasso’ (cioè quello con un alto tasso di colesterolo) e preferibilmente di gruppo 0 più che A o B.

Ultrasuoni – Non provocano alcun fastidio alle zanzare e di conseguenza non forniscono alcun aiuto contro di loro.

Piante – Altra falsa credenza è quella secondo la quale alcuni tipi di piante, su balconi e davanzali – come ad esempio la lavanda o i gerani, ma anche il basilico o il rosmarino – abbiano una funzione repellente: è vero, che siano repellenti, ma non tanto da salvarci dalle punture.

Le ultime da… Bonvivre

Tutte le ultime news dal nostro giornale tematico BONVIVRE su arte, cultura, tempo libero e stile di vita...

Le ultime di LR

Tutte le ultime news di Liberoreporter

di tendenza

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends