LiberoReporter

Migranti: giallo su eritreo arrestato, oggi l’interrogatorio dal gip

GOMMONE-MIGRANTISarà interrogato questa mattina, alle 9.30, nel carcere romano di Rebibbia, l’eritreo arrestato il 24 maggio in Sudan ed estradato ldue giorni fa in Italia con l’accusa di essere il boss della tratta di migranti Mered Yehdego Medhane, 35 anni. Secondo alcuni parenti, la sorella e amici eritrei, l’uomo sceso dall’aereo di Stato all’aeroporto di Roma non sarebbe il trafficante di uomini dal giro d’affari milionario. Secondo i testimoni l’arrestato sarebbe Mered Tesfamariam, ha 28 anni e non c’entrerebbe nulla con il traffico di esseri umani. Sono convinti, insomma, che ci sia stato uno scambio di identità. Dalla Procura di Palermo, da ieri, sono partiti una serie di accertamenti per fare luce su questo giallo. “Stiamo facendo accertamenti su questa storia davvero strana”, si è limitato a dire il Procuratore capo Francesco Lo Voi. Anche il Guardasigilli, Andrea Orlando ha annunciato che “l’autorità giudiziaria sta facendo tutte le verifiche del caso”. Anche se i malumori non mancano.

Ad assistere oggi l’arrestato nell’interrogatorio di garanzia davanti al gip di Palermo, sarà l’avvocato palermitano Michele Calantropo, nominato dalla sorella dell’arrestato. Per l’interrogatorio sono volati a Roma il Procuratore Lo Voi, l’aggiunto Maurizio Scalia e il pm Gery Ferrara, che hanno coordinato l’inchiesta.

loading...
2 COMMENTS
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends