LiberoReporter

Addio al bonus 80 euro. Ecco a chi verrà tolto

Addio al bonus 80 euro.  Circa un milione e mezzo di lavoratori potrebbero infatti essere costretti a restituire la somma percepita, poiché erogata loro erroneamente. Come ricorda ‘Studio Cataldi’, il bonus introdotto dal governo Renzi nel 2014, che viene erogato in busta paga dal datore di lavoro, è destinato ai lavoratori dipendenti ‘non incapienti’. Questo significa che i lavoratori con un reddito inferiore a 8mila euro e superiore a 26mila euro non avrebbero dovuto percepire alcuna erogazione, poiché non rientrano nella fascia reddituale stabilita dal decreto.

Nel corso del tempo, alcune situazioni dei lavoratori sono mutate, magari per via di un aumento di stipendio o di redditi esterni. Oppure il contribuente ha guadagnato meno di 8mila euro, superando in negativo il minimo di reddito richiesto dal decreto. E così molti cittadini si sono ritrovati con il bonus in busta paga, anche se non ne avevano diritto. L’Erario – secondo quanto riporta ‘Studio Cataldi’ – si sarebbe quindi messo in moto per far sì che le somme indebitamente percepite venissero restituite, anche se, come ha denunciato Federconsumatori, molti contribuenti ne sono stati informati solo al momento della dichiarazione dei redditi.

Altro nodo. Gli importi ricevuti in anticipo dovrebbero essere restituiti in un’unica tranche e non con pagamenti rateali. Tuttavia – sottolinea ‘Studio Cataldi’ – i contribuenti che percepiscono il bonus e che ritengono di non rientrare nel limite previsto nell’anno di imposta 2016, possono comunicare al Fisco, attraverso il sito dell’Inps, di voler rinunciare al bonus Renzi di 80 euro.

2 COMMENTS
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends