LiberoReporter

Uranio impoverito: soldato morto, la Corte d’appello condanna il ministero della Difesa

uranio-impoverito“Potrebbe mettere la parola fine la sentenza pubblicata oggi dalla Corte D’Appello di Roma su uno tra i primi casi in Italia che portò all’attenzione del mondo il problema dell’uranio impoverito”. Lo scrive in una nota il coordinatore dell’Osservatorio uranio impoverito, Domenico Leggiero, dando notizia della pubblicazione di una sentenza della Corte d’appello di Roma che dà ragione a Giuseppina Vacca, madre di Salvatore Vacca morto a 23 anni per uranio impoverito. La sentenza respinge l’appello del ministero della Difesa verso la sentenza di primo grado, che imponeva oltre agli indennizzi anche un risarcimento alla famiglia del militare morto di oltre 4 milioni.

Vacca, riassume Leggiero, fu “esposto agli effetti dell’uranio impoverito senza “alcuna adeguata informazione sulla pericolosità e sulle precauzioni da adottare”; “la pericolosità delle sostanze prescinde dalla concentrazione”; “condotta omissiva di natura colposa dell’Amministrazione della Difesa”; “vi è compatibilità tra il caso ed i riferimenti provenienti dalla letteratura scientifica”; “esistenza di collegamento causale tra zona operativa ed insorgenza della malattia”; “comportamento colposo dell’autorità militare per non avere pianificato e valutato bene gli elementi di rischio”. Questi sono solo alcuni dei principi contenuti in sentenza da cui emergono gravi inadempienze e la certezza assoluta del rapporto diretto di causa effetto tra l’esposizione all’uranio impoverito e le neoplasie che hanno portato alla morte 333 ragazzi ed oltre 3.600 malati”.

Leggiero ricorda che si tratta “della 47ma sentenza di condanna ottenuta dall’avvocato Angelo Fiore Tartaglia dell’Osservatorio nei confronti del ministero della Difesa. E’ stato un crescendo di presa d’atto da parte della magistratura che oggi ha emesso questa sentenza unica in Europa che potrebbe chiudere definitivamente il caso uranio impoverito. Questa sentenza darà certamente una spinta maggiore alla missione della quarta Commissione parlamentare” che indaga sui casi di morti per neoplasie di militari in missione.

“La sentenza esce proprio alla vigilia dell’audizione in commissione d’inchiesta del ministro Pinotti prevista per giovedì, che certamente prenderà atto delle evidenti ed impetuose motivazioni in essa contenute. La sentenza -si legge infine- definisce anche un ulteriore problema sollevato dal ministero della Difesa sulla distinzione netta tra indennizzi, già ricevuti e risarcimenti, sanciti in sede giudiziaria già in primo grado. Anche su un caso così complicato la magistratura -conclude Leggiero- ha saputo intervenire con determinazione e terzietà nell’argomento riportando in giusto equilibrio quella fiducia necessaria in un ordinamento democratico tra cittadini ed istituzioni”.

3 COMMENTS
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends