LiberoReporter

Terrorismo: pugile arrestato, non volevo arruolarmi nell’Isis né colpire Italia

terrorismoNon voleva fare male agli italiani, solo aiutare la popolazione in Siria. Si è difeso così Abderrahim Moutharrik il pugile arrestato con la moglie per terrorismo internazionale, interrogato oggi a San Vittore dagli inquirenti e dal gup di Milano. “Vedendo le immagini dei bambini sotto le bombe, volevo andare in Siria ad aiutare la popolazione civile e non arruolarmi nell’esercito dell’Isis”. Lo riferisce al termine dell’interrogatorio il difensore, Francesco Pesce.

Il campione di boxing marocchino, davanti al gip Manuela Cannavale nel corso dell’interrogatorio, al quale hanno assistito anche i pm Enrico Pavone e Francesco Cajani, ha precisato di non aver mai avuto intenzione “di arruolarsi con l’esercito dell’Isis né di colpire l’Italia dove ha vissuto negli ultimi 16 anni e è ben integrato”. E lo stesso, ha riferito l’avvocato Pesce, ha detto anche la moglie, anche lei sentita dai magistrati per circa mezz’ora.

 

Encatena - Your content marketing platform
2 COMMENTS
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends