LiberoReporter

La storia di Meriem: papà, mai arrivata telefonata e chiedo silenzio

jihadiste“Non c’è stata nessuna telefonata da parte di Meriem. A me non è arrivata nessuna telefonata, e nemmeno ad altri parenti, perché non ne abbiamo altri in Italia”. Così il padre di Meriem, 19 anni, fuggita in Siria la scorsa estate, sembra per combattere con l’Isis, a SkyTg24, dalla sua casa di Arzergrande nel padovano, smentisce decisamente le notizie apparse oggi sulla stampa di una presunta telefonata della figlia che avrebbe detto di essersi pentita e di voler tornare a casa.

Ma, soprattutto, il padre di Meriem chiede “cortesemente che scenda in silenzio sulla vicenda” perché “queste notizie aumentano enormemente il rischio per Meriem e anche per la nostra famiglia: io ho altri figli, chiedo il silenzio, e di essere lasciato in pace, cortesemente”, spiega assicurando poi che se “Meriem torna a casa io avrò le braccia aperte nell’accoglierla: ma – ripete più volte – vi chiedo cortesemente di far scendere il silenzio su questa vicenda, perché queste cose possono fare male anche a noi”. Contro la famiglia infatti potrebbe scatenarsi la reazione degli estremisti islamici.

 

2 COMMENTS
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends