LiberoReporter

Pirateria marittima: non si hanno ancora notizie dell’equipaggio della MT LEON DIAS

MT Leon DiasAnche alla Mt LEON DIAS, in navigazione nel Golfo di Guinea, non è stata risparmiata la brutta esperienza di incorrere nei pirati nigeriani. Il 29 gennaio scorso infatti, la nave commerciale è stata attaccata , sequestrata e dirottata nei pressi di Brass in acque nigeriane mentre era in navigazione verso il porto di  Bata. Come sempre è stato un atto di pirateria marittima a scopo estorsivo.  La petroliera battente bandiera liberiana è di proprietà di una società armatrice greca la ‘Leon Shipping & Trading S.A.’ con sede ad Atene si era già fortunosamente sottratta ad un attacco pirata nell’aprile del 2013 stavolta le è andata meno bene. A bordo un equipaggio di marittimi di diversa nazionalità. Di questo equipaggio, 2 russi, l’ingegnere capo e l’elettricista, 1 georgiano, il montatore, e  2 filippini, il comandante e il terzo ingegnere, non si hanno più notizie. I predoni del mare, dopo aver abbandonato, il 31 gennaio scorso, in mare, la nave hanno però, trattenuto in ostaggio i cinque marittimi membri dell’equipaggio. Con molta probabilità allo scopo di richiedere poi, per il loro rilascio un riscatto. Perché è quello lo scopo di ogni dirottamento di una nave. Finora però, nessuna richiesta in tal senso è stata presentata. Sull’episodio di pirateria marittima aleggia ancora confusione sulla paternità dei suoi autori. In particolare non  è chiaro se l’assalto e il sequestro  sia opera di militanti che si battono per le popolazioni indigene del Biafra o opera di pirati nigeriani. La differenza sta nel fatto che se prevale il primo caso il dirottamento è stato compiuto per finalità politiche-rivoluzionarie, se prevale invece,  il secondo caso allora è stato commesso a scopo estorsivo.  I dirottatori  dopo il sequestro della Mt LEON DIAS hanno richiesto, in cambio del rilascio di nave ed equipaggio, il rilascio, entro 31 giorni, del leader pro-Biafra, Nnamdi Kanu in carcere in Nigeria in attesa del processo con l’accusa di incitamento etnica e sedizione. Il gruppo ha però, smentito di essere coinvolto in attività criminali del genere. Conferme in tal senso giungono anche dalle autorità militari nigeriane. Per i militari nigeriani forse si tratta solo di un tentativo di  mascherare l’atto di pirateria. Comunque sia occorrerà attendere tra le due e le quattro settimane. Sono questi in genere i tempi di durata di un negoziato per il pagamento del riscatto per gli ostaggi. Purtroppo il mare al largo della costa dell’Africa Occidentale è ad alto rischio pirateria. Sono almeno tre le navi commerciali cadute in mano ai pirati nigeriani negli ultimi tre mesi.

Ferdinando Pelliccia

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends