LiberoReporter

Libri e manoscritti preziosi rischiano di volatilizzarsi

bibliotecaRoma – Con l’entrata in vigore della legge 6 agosto 2015 n.125 il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo ha richiamato a sé la tutela del patrimonio librario, escludendo di fatto le Regioni, che negli ultimi 44 anni ne erano state le affidatarie.

Ma secondo l’Associazione Italiana Biblioteche il “passaggio di competenze” potrebbe rivelarsi  controproducente,  sebbene il fine sia  quello di  rendere più efficaci e fluide in tutto il territorio nazionale alcune funzioni delicate come il rilascio delle autorizzazioni al prestito per mostre, ma anche al restauro o spostamento di  manoscritti, libri e documenti pubblici e privati dichiarati di importante interesse storico, così come la concessione di attestati di libera circolazione o licenze di esportazione.

L’AIB denuncia la palese mancanza di  un’adeguata valutazione degli aspetti organizzativi, come dimostra l’aver assegnato il delicato compito di tutela del patrimonio librario alle Soprintendenze archivistiche, i cui funzionari hanno  formazione e competenze non adeguate perché semplicemente diverse da quelle dei bibliotecari, come giustamente hanno sottolineato i colleghi archivisti dell’ANAI.

Inoltre, di fronte alle acclarate mancanze di risorse (umane e degli apparati tecnico-scientifici) delle soprintendenze archivistiche  per svolgere al meglio i loro compiti, l’escamotage dello Stato di trovare bibliotecari statali esperti con funzioni di supporto agli archivisti, evidenzia la mancanza di consapevolezza  dei compiti profondamente differenti di bibliotecari e archivisti, e fa sorgere un doppio interrogativo:

  • Dove sono questi bibliotecari esperti se anche nelle biblioteche statali non c’è personale sufficiente per offrire agli utenti un servizio serio e degno di un paese civile?
  • Se le 46 biblioteche del MiBact tutelano decine di milioni di volumi e manoscritti, com’è possibile pensare di spostare anche un solo bibliotecario da queste ultime per affiancare le soprintendenze archivistiche?

Ecco perché secondo l’AIB è molto alto il rischio che il passaggio di competenze di tutela del patrimonio librario dalle Regioni allo Stato  si riveli un flop clamoroso, mettendo in serio pericolo la tutela stessa di libri e manoscritti di importante interesse culturale della Nazione, che possono facilmente disperdersi,  anche legalmente, visto che la procedura del silenzio-assenso permette dopo soli 60 giorni  la dispersione sotto diverse forme di beni librari.

Auspichiamo dunque che, nell’identificazione dei profili e delle destinazioni dei 500 funzionari di prossima assunzione presso il MiBACT, si tenga conto della doppia necessità di migliorare il funzionamento delle biblioteche Statali, nonché  di potenziare con adeguate risorse la fondamentale attività di controllo e tutela, se si vuole riparare una rete che attualmente presenta diversi strappi.

 

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends