LiberoReporter

Blitz CC a Palermo: 38 fermi, c’è anche moglie di un boss

carabinieri-puntoE’ in corso dall’alba di oggi una vasta operazione antimafia, condotta dai Carabinieri del Comando provinciale di Palermo che stanno eseguendo, tra Palermo, Roma, Milano e Napoli, 38 provvedimenti di fermo emessi dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia. Gli arrestati sono ritenuti capi o gregari, dei mandamenti mafiosi di Palermo Porta-Nuova e Bagheria, e accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, detenzione e traffico di sostanze stupefacenti, illecita concorrenza con minaccia o violenza, illecita detenzione di armi e munizioni e turbativa d’asta. Le attività hanno consentito di “evidenziare il ruolo ricoperto dalla moglie di un autorevole boss del mandamento mafioso di Palermo Porta-Nuova, rea di aver diretto ogni attività criminale dell’associazione mafiosa secondo le direttive impartite dal marito detenuto, condizionando costantemente le attività illecite anche degli altri affiliati e capi famiglia, in particolare nel settore del traffico degli stupefacenti, nonché gestendo la cassa della consorteria”, spiegano gli investigatori. Si tratta di Teresa Marino, 38 anni, moglie di Tommaso Lo Presti, detenuto in carcere. Secondo i magistrati “eseguiva con autorevolezza ed efficienza le indicazioni impartite dal carcere dal marito”.

Numerose le intercettazioni a carico della donna: “…Questa mattina ho visto il conto…cioè mi sono rimasti quindicimila euro…”, si legge in uno stralcio di intercettazione. “La donna, immedesimandosi nella condizione delle mogli dei detenuti, rivolgeva particolare attenzione al sostentamento delle loro famiglie (“…appena le porta…io glieli faccio avere…dille così) e un sodale libero, consapevole di quanto la cosa stesse a cuore, affermava che sarebbe stato disposto a farlo anche di tasca propria (glieli stavo dando io….di tasca mia…”)”, dicono gli inquirenti.

I particolari dell’operazione verranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 10.30 presso la caserma Carini, sede del Comando Provinciale dei Carabinieri di Palermo.

Trovato libro mastro a casa di un indagato

Un vero e proprio ‘libro mastro’ con tanto di nomi, cognomi, cifre e indicazioni è stato trovato poco fa dai Carabinieri a casa di uno degli arrestati nell’operazione antimafia che all’alba di oggi ha portato in carcere 38 persone. Gli inquirenti definiscono l’elenco trovato e sequestrato “molto interessante” perché potrebbe ampliare ulteriormente l’indagine della Direzione distrettuale antimafia. Sono ventisette gli episodi di estorsione scoperti dai Carabinieri del Comando provinciale di Palermo nell’inchiesta coordinata dalla Dda, in sei occasioni la vittima ha denunciato, in venti casi la vittima ha ammesso solo dopo essere stata chiamata dagli investigatori e in un caso la vittima ha negato di avere dovuto pagare il pizzo.

 

2 COMMENTS
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends