LiberoReporter

Salta Germania-Olanda ed evacuata sala concerti a Hannover

terrorismo

Per il rischio concreto di attentati è stata annullata la partita amichevole fra Germania e Olanda che si sarebbe dovuta svolgere questa sera ad Hannover. Lo ha annunciato la polizia a meno di 90 minuti dall’inizio della partita, alla quale doveva assistere anche la cancelliera tedesca Angela Merkel. Lo stadio è stato evacuato. Fonti di sicurezza all’agenzia di stampa Dpa hanno parlato della minaccia di un attacco dinamitardo da parte di un gruppo islamista. Le squadre della sicurezza hanno ricevuto l’avvertimento poco prima dell’inizio della partita che possibili terroristi fossero già allo stadio. “Avevano previsto di far esplodere esplosivi nello stadio – ha detto il capo della polizia di Hannover, Volker Kluwe alla rete televisiva Ndr – l’avvertimento chiave ci è giunto 15 minuti dopo l’apertura dei cancelli”. Sono stati i servizi di un Paese straniero ad avvertire la Germania dell’imminenza di un attentato dinamitardo allo stadio di Hannover. E’ quanto ha appreso l’agenzia stampa Dpa in ambienti della sicurezza a Berlino.
Un tweet dell’Away Fans mostra le immagini di un uomo che sarebbe stato fermato allo stadio di Hannover

ULTIMA ORA 23 – In corso verifiche su un treno ad Hannover. Trovato pacco sospetto, artificieri sul post.

22.45 – Evacuata stazione ad Hannover. Per motivi precauzionali e per un allarme bomba, è stata evacuata anche la stazione di Hannover. L’allarme è tuttora attivo, anche se l’autorità tedesca ha comunicato che fino a questo momento, non è stato ancora trovato alcun esplosivo. Una parte della stazione risulta ora aperta e qualche treno è potuto partire. Rientrato l’allarme per quel  che riguarda la sala concerti.

EVACUATA AD HANNOVER ANCHE SALA CONCERTI – Dopo lo stadio, è stata evacuata anche una sala concerti di Hannover, la Tui Arena, dove era prevista una esibizione della band The Sohne Mannheim. Lo riferisce la Bbc. Secondo informazioni non confermate, diffuse dalla rete televisiva privata n.tv, sarebbe stato individuato dell’esplosivo in una falsa ambulanza che tentava di entrare allo stadio di Hannover, dove era prevista l’amichevole Germania-Olanda. Sarebbe stato inoltre individuata la presenza di un presunto islamista nelle vicinanze dello stadio.

TROVATO CELLULARE TERRORISTA A PARIGI, SMS ‘OK SIAMO PRONTI’ – “Ok, siamo pronti” è il messaggio trovato, secondo quanto riferisce la Cnn citando fonti investigative, su un telefono cellulare che si pensa sia stato usato da uno degli attentatori a Parigi.

IL VIDEO CON LE MINACCE AI CRISTIANI – “Messaggio alla nazione della croce”‘. E’ il titolo di un nuovo video che circola su Twitter sugli account, legati al sedicente Stato Islamico (Is) e che si apre con le immagini affiancate del Big Ben di Londra, della Torre Eiffel di Parigi e del Colosseo di Roma. Diffuso a quattro giorni dagli attacchi di Parigi, il video contiene nuove minacce, in particolare per i “cristiani”: “Voi credete che noi temiamo la vostra reazione alle nostre operazioni? No, stiamo aspettando con impazienza la reazione con la stessa stupidità di Bush quando ha distrutto l’economia del suo Paese “, recita la voce in arabo, accompagnata da sottotitoli in inglese e francese.

SI CERCA UN ALTRO ATTENTATORE – Oltre a Salah Abdeslam, ci sarebbe un secondo attentatore in fuga. Lo rivela ‘Le Monde’. Gli investigatori, spiega il quotidiano francese, in questi giorni si sono concentrati sull’organizzazione degli attacchi, il numero preciso di autori e la posizione di quello o quelli che sono ancora in libertà. Fino a oggi, cinque terroristi, francesi, sono stati identificati: i quattro kamikaze Samy Amimour e Ismail Omar Mostefai che hanno partecipato all’attacco al Bataclan, Bilal Hadfi, che ha fatto saltare la sua cintura esplosiva vicino allo Stade de France, e Brahim Abdeslam esploso al Comptoir Voltaire. Tre altri attentatori, morti negli attacchi, non sono ancora stati identificati, mentre è invece ricercato in tutta Europa Salah Abdeslam.

GLI ARRESTI – Sette persone sono state arrestate oggi in Germania, in una regione al confine con l’Olanda e il Belgio, ma non sarebbero collegate agli attacchi di Parigi. Lo ha chiarito il ministro degli Interni tedesco, Thomas de Maiziere, in una conferenza stampa a Berlino. “Non abbiamo ancora finito di esaminare le cose – ha detto – ma al momento sembra che non siano direttamente collegati agli attacchi di Parigi”.
Altre due persone, un uomo di 35 anni e la sua compagna, sono trattenuti in stato di fermo a Lione. L’uomo è sospettato di traffico di armi e stupefacenti, oltre di sostenere i movimenti dell’islamismo radicale. Nuove perquisizioni, riferisce il ministro dell’Interno francese Cazeneuve, perquisizioni, in tutto 128, sono state eseguite in Francia.
A Boulevard Ornano nel 18mo arrondissement, che ora è completamente chiuso e isolato, è stata ritrovata un’auto ricercata dal giorno degli attentati. Si tratta di una Renault Clio nera localizzata vicino a un albergo. L’auto potrebbe essere stata usata durante i preparativi degli attentati.

SALAH IN FUGA – Gli inquirenti francesi avrebbero inoltre scoperto un altro ‘covo’ dei terroristi: secondo l’emittente Bfmtv, Salah Abdeslam aveva preso in affitto e pagato con la sua carta due stanze in un appartamento a Alfortville, nel dipartimento della Valle della Marna, periferia di Parigi. Le perquisizioni hanno permesso di concludere che nelle stanze – dove sono stati trovati, oltre a resti di pizza e madeleine al cioccolato, delle siringhe, aghi corti e fili da intubazione secondo quanto viene mostrato in un video esclusivo di ‘Le Point’ che le ha visitate – hanno soggiornato almeno due persone. I letti erano stati alzati come per lasciare più spazio. Mohammed Abdeslam, fratello dell’ottavo uomo del commando che venerdì scorso ha seminato il terrore a Parigi, ha chiesto a Salah, in fuga da quattro giorni, di “consegnarsi alla polizia”. In un’intervista alla tv belga Bfmtv, ha detto: “La cosa migliore sarebbe che si presentasse alla giustizia, in modo che si faccia luce su questa storia”.

HOLLANDE – “La nostra risposta deve essere spietata sia all’esterno che all’interno”, ha detto il presidente francese, Francois Hollande, parlando alla conferenza generale dell’Unesco. L’aviazione francese, ha detto il ministro francese della Difesa, Jean Yves Le Drian, ha iniziato un nuovo raid, per il terzo giorno consecutivo, su Raqqa la ‘capitale’ dello Stato Islamico in Siria. Nell’operazione sono impiegati dieci aerei caccia.

SALTA AMICHEVOLE TRA BELGIO E SPAGNA – Il match Belgio-Spagna, che si sarebbe dovuto giocare questa sera allo stadio Re Baldovino di Bruxelles, è stato annullato. Lo hanno annunciato nella notte di lunedì le federazioni di calcio dei due Paesi. La decisione è stata presa per motivi di sicurezza.

3 COMMENTS
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends