LiberoReporter

Roma: Garcia, Pallotta è benedizione. Siamo motivati e con Atalanta conta solo vincere

garcia-roma“L’arrivo del presidente Pallotta, la sua presenza, per la Roma, è una benedizione. Lui fa sempre tutto per tenere in alto i colori della Roma. E voglio solo poi ricordare che non è il presidente che ha squalificato la Curva Sud per la sfida di domani”. Il tecnico della Roma, Rudi Garcia, difende il suo presidente, James Pallotta, alla vigilia della sfida con l’Atalanta, che vedrà chiuso il settore centrale della Curva Sud, per decisione del giudice dopo gli striscioni insultanti nei confronti della madre di Ciro Esposito. “Io preferisco sempre giocare con uno stadio pieno e non avere la Curva Sud è sempre una cosa brutta, uno svantaggio. Ho già spiegato che la Roma non è fatta solo dai giocatori e dall’allenatore, ma ci sono i dirigenti, e prima il presidente che ha sempre difeso il suo club, ha sempre fatto di tutto per avere un club ambizioso e uno stadio dove i genitori possano portare i bambini. Quando uno di noi è attaccatto serve una solidarietà forte”, ha aggiunto il tecnico giallorosso.

Squadra motivata e con Atalanta conta solo vincere

La Roma non ha accusato il fatto di essere per la prima volta al terzo posto, secondo il suo tecnico Rudi Garcia. “Non ho sentito nessun giocatore parlare di questa cosa e mi sembra il miglior modo per affrontare la prossima partita, conta solo una cosa, vincere domani, dopo vedremo che risultati fanno gli altri, ma noi non possiamo che vincere, non abbiamo alternativa alla vittoria”, ha spiegato il tecnico giallorosso nella conferenza della vigilia della sfida con i bergamaschi.

Nessun pensiero neanche la big match di questa sera tra Juventus e Lazio. “Io tifo la Roma e dobbiamo vincere domani. Gli altri risultati non cambiano nulla, noi siamo costretti a vincere, poi sapremo che la Juve è una grandissima squadra e ancora su tre fronti, coppa Italia, Champions e scudetto e forse stasera può chiudere anche il campionato ma qualsiasi risultato uscirà per noi non cambia nulla per domani”, ha sottolineato Garcia che dovrà fare a meno di Pjanic e Gervinho. “L’unico convocabile è Keita, anche se non al 100%, ha risposto bene, si è allenato normalmente oggi, allora è una risorsa in più per noi con tutte queste assenza”.

Nonostante l’emergenza a centrocampo la Roma giocherà allo stesso modo. “Non sono senza soluzioni, ho Paredes e Ucan e Florenzi che può giocare a centrocampo. Meglio giocare con giocatori che sono al 100% fisicamente. Non sono preoccupato del reparto. Totti? Si è allenato. Lo abbiamo gestito durante l’inizio della settimana, ma poi si è allenato con il gruppo e adesso sta bene. Quando il capitano è vicino al 100% è sempre un vantaggio e un valore aggiunto per questa Roma”. “L’Atalanta? Non temo niente, rispetto molto l’avversario e ne ho per l’Atalanta. L’atteggaimento che avranno sarà il loro noi dovremo metterli in difficoltà, segnare e restare solidi in difesa”.

La squadra si è isolata dalle pressioni di questi giorni. “Si, i giocatori li vedo motivati, hanno messo intensità e qualità nel lavoro, abbiamo lavorato duramente in questa settimana, e mi sembrano abbastanza tranquilli e concentrati sul campo”, ha aggiunto il tecnico francese che non vuole fare analisi soprattutto sui tanti infortuni. “Le analisi le faremo a fine stagione. In una stagione c’è un po’ di tutto, fatalità e responsabilità, ma non è il momento ora di parlare di questo. L’infermeria o gli squalificati sono ancora tanti, ma non deve essere un alibi abbiamo abbastanza qualità comunque per vincere domani”.

Altro assente sarà Maicon. “Fa un passo avanti, e a volte, due indietro. Un problema al ginocchio è sempre delicato. Mi aspettavo il suo ritorno prima ma ancora non può fare tutto, su questo faremo con la società e i dottori il punto per spiegare meglio le sue condizioni. Mi auguro solo che possa tornare presto”.

Garcia non guarda troppo avanti. “Derby gara decisiva? E’ molto lontana questa gara. Non è un modo di dire, ma conta solo la prossima partita. Abbiamo preso 7 punti su 9, è una tabella di marcia buona, vogliamo fare 10 su 12 e conta solo l’Atalanta, una squadra che ha fatto un bel passo avanti per la salvezza vincendo con il Sassuolo e rimane una squadra difficile da affrontare. Mi aspetto una gara difficile ma anche una Roma con tanta voglia e qualunque squadra avrà davanti non cambierà nulla. Vogliamo uscire con i tre punti, è l’unico obbiettivo che abbiamo per domani”.

loading...
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends