LiberoReporter

Fiorentina: Montella, contro la Juve in Coppa Italia a viso aperto

montella-fiorentina“Con Allegri c’è stima. Mi aspettavo che mi dicesse anche la strategia della partita, dovrò informarmi ulteriormente…”. Vincenzo Montella, allenatore della Fiorentina, scherza sulle parole del tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, che ha anticipato che i bianconeri giocheranno con la difesa a quattro domani nella semifinale di ritorno di Coppa Italia. “Penso sia una gara aperta, difficilissima, purtroppo c’è anche il ritorno… a noi bastava l’andata. È una squadra forte, di mentalità è fortissima, giocano nello stesso modo in casa e fuori. Noi ce la vogliamo giocare, sappiamo che è tutto aperto”, ha sottolineato Montella che crede di poter raggiungere la finale.

“Ci credo. Sappiamo che è difficile, ma sono certo che domani il nostro pubblico ci starà particolarmente vicino. Ci giochiamo l’accesso a una finale, è importantissimo. Giocheremo a viso aperto, senza calcoli perché non ne siamo capaci e contro la Juventus sarebbe controproducente. Marchisio ho letto che si sta allenando in gruppo e potrebbe giocare, è un giocatore importante per loro nel complesso del loro centrocampo”. Entrambe le squadre metteranno in campo tutto quello che hanno: “cuore e volontà ci saranno, servirà anche intelligenza. Non serviranno calcoli, dovremo essere lucidi durante la partita. Le partite sono sempre aperte. Noi dobbiamo conoscere benissimo le nostre virtù e sfruttarle in relazione all’avversario. Abbiamo un piccolo vantaggio, ma niente calcoli a priori. La Juventus è una squadra particolarmente forte, segna tanto anche in trasferta, ma questo ci deve dare uno stimolo ulteriore”.
– Molto importante sarà la presenza di Salah. “E’ la fotografia del nostro modo d’intendere il calcio, giocare con serenità, un po’ come lo era per Cuadrado. Mi aspetto che la Juve sia aggressiva, ma anche saper aspettare in virtù delle loro caratteristiche. Pizarro? Vediamo oggi, si è allenato con la squadra. A grandi linee abbiamo fatto riposare tutti, però Gonzalo e Basanta sono quelli che hanno riposato di meno”, ha aggiunto il tecnico viola che poi parla di Mario Gomez. “E’ diventato molto importante per la squadra, si riconosce in un centravanti come lui, Babacar o Gilardino. Noi lavoriamo per migliorarci giorno dopo giorno, aspiriamo sempre a fare il meglio, particolari sorprese non ne abbiamo avute. Alcuni calciatori sembravano persi e si sono ripresi il loro livello. Savic credo sia disponibile, vediamo l’ultimo allenamento, ma fino a ieri era con il gruppo. Rossi? Non mi risulta che possa allenarsi con il gruppo a breve, chissà che dall’uovo non esca una sorpresa”.

Atteggiamento quindi aperto e non remissivo per cercare di vincere anche la sfida tattica. “A livello tattico contro la Juve è difficile perché è una squadra completa. Sarebbe sbagliato avere un atteggiamento remissivo, sarebbe controproducente”. Grande attenzione poi da parte della difesa viola per Carlos Tevez. “E’ un calciatore straordinario, lo si conosceva prima ancora che arrivasse in Italia; un consiglio è di non giocare così tanto, perché in futuro le partite più importanti potrebbe soffrirle”, ha aggiunto Montella che consiglia ai suoi di vivere il momento positivo “con disincanto e orgoglio, ma ragionando razionalmente finora non è stato raggiunto nessun obiettivo. Domani c’è la possibilità di raggiungere un obiettivo”.
La sfida in Coppa Italia è cresciuta molto negli ultimi anni un po’ come in Inghilterra. “E’ cresciuta molta la competitività della Coppa Italia, adesso ci teniamo noi tantissimo e lo vediamo come affrontano anche le altre squadre. Per noi vincerla è un’opportunità importante. La squadra sta crescendo molto sotto la gestione delle partite, come me, siamo più esperti rispetto a un anno fa -ha sottolineato Montella-. Questa partita è importante, perché rispetto all’anno scorso abbiamo avuto un cammino diverso nella competizione, avrebbe un’altra importanza arrivare in finale così. Il turn-over dipende molto o tutto dai risultati, per ora riesce perché stanno arrivando risultati positivi. L’obiettivo è portare avanti più calciatori nelle migliori condizioni”.

Infine sull’altra semifinale, Montella ha detto:” La seguirò, ma non m’interessa molto l’altro risultato. Noi non andremo in campo per perdere e per dare un dispiacere alla Juventus. La partita è tutta da giocare e da vivere”.

 

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends