LiberoReporter

Andria: rapinano tir minacciando autista con mitragliatore, un arresto

I carabinieri della Compagnia di Andria hanno arrestato un uomo di 57 anni, incensurato, accusato di aver appena rapinato insieme ad alcuni complici un’autocisterna carica di 35 mila litri di carburante. Deve rispondere di rapina aggravata, sequestro di persona, ricettazione, riciclaggio e detenzione di apparecchiature per intercettare o impedire comunicazioni. La rapina è avvenuta lungo la strada provinciale 231, nel tratto tra Corato ed Andria. Poco dopo il mezzo, munito di rimorchio, è stato intercettato dai militari. Era tallonato da una Opel i cui occupanti, notato l’arrivo dei carabinieri, hanno sorpassato il camion e sono fuggiti. Il conducente dell’autocisterna, dopo aver proseguito la sua marcia, imboccando una vecchia strada per Spinazzola, è stato costretto a fermarsi. L’autista portava appesa al collo una radio ricetrasmittente e calzava un paio di guanti in lattice. Nella cabina, invece, sono stati scoperti un potente apparato inibitore di frequenze radio-telefoniche, tipo jammer, alimentato da una batteria contenuta in un frigorifero portatile ed un passamontagna. Poco prima la banda, a bordo di un’Audi e di una Opel, dopo aver fermato il conducente del mezzo pesante, sotto la minaccia di un fucile mitragliatore, lo aveva costretto a scendere e a salire sull’Audi, con la quale era stato portato via, per poi essere rilasciato in località Montaltino, nel barlettano. A bordo trasportava 35mila litri tra carburante agricolo e per autotrazione per un valore di 120.000 euro. I carabinieri hanno recuperato anche la Opel finita fuoristrada nei pressi di uno svincolo per Canosa di Puglia. Sul veicolo, rubato in Svizzera alcuni anni fa, è stata rinvenuta una grossa lastra in acciaio, bullonata sullo schienale del sedile posteriore, per proteggere gli occupanti in caso di conflitto a fuoco.

Tagged with: , ,
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends