LiberoReporter

Immigrati: arrestato scafista naufragio 14 aprile

news-3Uno dei 587 migranti arrivati ieri mattina nel porto di Trapani è stato fermato dalla Squadra mobile perché ritenuto lo scafista del gommone affondato lo scorso 14 aprile a circa 37 miglia dalle coste libiche. L’uomo, Ayoola Akinshulu, nigeriano, 31 anni, è indagato, in concorso con ignoti, per i reati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e morte come conseguenza di altro delitto. Le indagini sono coordinate dal procuratore di Trapani Dr. Andrea Tarondo.

A permettere di identificare lo scafista sarebbero state le testimonianze dei superstiti, quattro su 45 persone partite dalla città di Zouara, in Libia. I migranti hanno raccontato che Akinshulu si era accordato con i trafficanti di stanza in Libia per non pagare il viaggio verso l’Italia purché si assumesse l’onere di condurre il gommone, alternandosi con un altro migrante che avrebbe perso la vita nel corso del naufragio.

Dopo poche ore di navigazione l’imbarcazione aveva ceduto, perdendo la chiglia inferiore e causando il naufragio in cui persero la vita 41 persone, tutti maschi adulti. Gli altri quattro furono soccorsi dalla nave Bersagliere della Marina Militare.

 

Encatena - Your content marketing platform
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends