LiberoReporter

Calcio: Sabatini, Roma vive una sorta di frustrazione tecnica

Sabatini-walter“E’ innegabile che la squadra adesso viva una sorta di frustrazione tecnica ma col Feyenoord ho rivisto barlumi della Roma passata”. E’ la disamina del momento della formazione giallorossa del direttore sportivo del club Walter Sabatini intervenuto ai microfoni di ‘Roma Radio’.

Dopo il sesto pareggio in casa il dirigente della Roma aggiunge: “Vedo che la Roma potrebbe ancora recuperare le sue trame di gioco offensivo e lo farà perché i ragazzi sono votati a questa idea e con loro l’allenatore. Dobbiamo avere fiducia, abbiamo un gruppo di calciatori forti che dimostreranno di esserlo centrando gli obiettivi -sottolinea-. Non vinciamo ma non perdiamo neanche, la differenza tra poter essere una cosa piuttosto che un’altra è minimale”.

Sulla ricetta per riportare la formazione di Garcia al gioco e ai risultati della scorsa stagione Sabatini spiega: “Quando le squadre vanno in difficoltà trovare le cause reali è sempre molto difficile. L’altro giorno sono stato nello spogliatoio e il modo di guardare dei calciatori è sempre lo stesso. C’è una condizione di forma precaria ma le partite le teniamo sempre, non abbiamo mai rotto gli argini. L’allenatore è lo stesso grande allenatore dello scorso anno e quindi ci ritroveremo. Alcune scelte che io stesso ho fatto potrebbero essere discutibili. Ad esempio, questa squadra avrebbe avuto bisogno di un paio di zampate vincenti, basterebbe pochissimo”.

Sul mercato invernale nessun rimpianto per il direttore sportivo giallorosso: “Ho fatto delle scelte a gennaio che confermerei: abbiamo preso Ibarbo e Doumbia che in assoluto sono molto forti ma magari ho sbagliato i tempi e i modi perché il primo era in via di guarigione e il secondo era in Coppa d’Africa. Questa squadra con un po’ di fortuna tecnica sarebbe sicuramente un’altra squadra. Il campo comunque rivelerà il reale valore dei nuovi acquisti. Il Doumbia di ieri sera se fosse stato il Doumbia di quaranta giorni fa avrebbe fatto due gol”.

“Vorrei che la squadra ritrovasse l’armonia tecnico-tattica che ci faceva essere una squadra raccontata da tutti -dice Sabatini-. La Roma non si è accesa per una settimana ma per un anno e mezzo e in questo periodo è stata raccontata. Se c’è un desiderio forte è quello di ritrovare leggerezza nel gioco. Deficit nella preparazione? Magari una vittoria o una situazione favorevole ti fa correre e sentire leggero, a volte invece risultati poco brillanti ti fanno correre peggio. La condizione della squadra è sufficiente, non ci sono colpevoli, ci manca un po’ di sprint. La Roma arriverà fino in fondo centrando i suoi obiettivi”.

Una parentesi Sabatini la dedica al compleanno del tecnico francese. “Oggi Garcia compie 51 anni e non mi sembrano tanti. Spero ritrovi anche lui la leggerezza nel gioco perché so che crede fermamente nella quadra e nei suoi giocatori -infine su Pjanic-. Penso sia difficile anche per i tifosi criticare alcuni calciatori come Miralem. Siamo abituati a vederlo risolvere problemi con un’invenzione tecnica ma ieri lo abbiamo visto correre molto, quindi spesso perde lucidità. Dobbiamo avere fede ma anche i calciatori devono avercela. Io li vedo allenarsi tutti i giorni e arrivare sul campo di allenamento due ore prima”.

Encatena - Your content marketing platform
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends