LiberoReporter

Viterbo: il 17 gennaio la città commemora vittime seconda guerra mondiale

seconda-guerra-mondiale-aerei (2)Il 17 gennaio è lutto cittadino a Viterbo. Si ricordano, infatti, i tanti morti della seconda guerra mondiale, quando Viterbo fu rasa al suolo dal fuoco nemico.  Per ricordare questa pagina triste di storia cittadina, il prossimo 17 gennaio, alle ore 10,30, si celebrerà  nella chiesa di San Francesco  una Solenne Messa officiata dal vescovo Lino Fumagalli.  Ma non è tutto. Infatti, grazie al lavoro certosino e paziente della scrittrice viterbese Rosanna De Marchi, coadiuvata da Francesco Morelli, svolto per alcuni mesi all’interno dell’Archivio di Stato, sono venuti fuori i nomi dei molti morti civili e militari della seconda guerra mondiale, compresi quelli provenienti da Cassino, Latina, Caserta e Frosinone. “Siamo riusciti a contattare i parenti ancora in vita di alcuni dei defunti che sono riuscita a rintracciare -spiega la scrittrice – Sono, quindi, andata dal sindaco per organizzare una degna cerimonia di commemorazione”. Così, dopo la Solenne Messa, sarà inaugurata la mostra fotografica su Viterbo bombardata all’interno della basilica di San Francesco, che resterà aperta una settimana. Dopo l’inaugurazione della mostra verranno deposte due corone, una a San Francesco e l’altra al monumento ai Caduti. Poi si andrà su via San Lorenzo, sul ponte, dove verrà apposta intorno alle ore 13 una targa commemorativa dei caduti della seconda guerra mondiale. Alle ore 13,15, infine, suonerà la sirena d’allarme che veniva usata quando c’erano i bombardamenti. Oltre al 17 gennaio ci furono, purtroppo, altri bombardamenti su Viterbo, tra cui il primo, all’aeroporto, nel 1943. Il 17 gennaio del 1944 ben 90 tonnellate di bombe colpirono la città facendo morire tante persone che si trovavano a piazza della Rocca, alla stazione di Porta Romana, a san Francesco. Padre Adua fece anche una specie di questua per reperire i soldi per aggiustare la chiesa di San Francesco, fondando anche un comitato commemorativo, di cui la scrittrice De Marchi ne fa parte.

Wanda Cherubini
loading...
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends