LiberoReporter

Pirateria Marittima Golfo di Guinea: petroliera Hai Soon 6 vittima pirati

petroliera HAI_SOON_6Il 25 luglio scorso la Petroliera Hai Soon 6 è stata abbordata e catturata dai pirati nigeriani. L’assalto è stato condotto da due skiff con a bordo 10 predoni del mare. Il dirottamento è avvenuto a sud est di Accra in Ghana. Ancora una volta si tratta di Petropirateria in quanto obiettivo dei banditi del mare è stato quello di impadronirsi del carico della petroliera. La nave infatti, era impegnata in operazioni di bunkeraggio nelle acque del Golfo di Guinea. Quello della Petropirateria è un fenomeno che si sta molto diffondendo in diverse parti del mondo dove impazza il fenomeno della pirateria marittima. Si tratta di assalti pirati condotti esclusivamente contro petroliere per catturarle e rubarne il carico. Lo scopo dei predoni del mare e infatti, quello di impadronirsi del gasolio o benzina che trasportano le navi nelle stive per poi, rivenderlo al mercato nero. Sono quindi i prodotti petroliferi lavorati il nuovo ‘stimolo’ al ‘rinnovarsi’ della pirateria marittima. Un fenomeno che era ormai in decadenza in alcune aree come allargo del Corno D’Africa.  Con la nave catturati anche i membri dell’equipaggio. Si tratta di 21 marittimi di diversa nazionalità, uno di Singapore, 12 cinesi, 6 del Myanmar e 2 di nazionalità coreana.  La Hai Soon 6 batte bandiera del Kiribati, ed è di proprietà della società armatrice Hai Soon internazionale, Singapore.

P.F.

 

Encatena - Your content marketing platform
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends