LiberoReporter

Viterbo: cambio della guardia in comune

P1110740Forza Italia, Fratelli d’Italia, Nuovo Centro Destra e Lega Nord insieme per rivendicare i risultati ottenuti dal lavoro svolto dalla precedente amministrazione comunale e di cui i frutti oggi ne “gioiscono” gli attuali amministratori. In primis il restyling di via Genova. E proprio presso il Caffè Break Time di via Genova, Giulio Marini, Luigi Maria Buzzi, Claudio Ubertini ed Umberto Fusco (assente giustificato Daniele Sabatini, in quanto impegnato con un matrimonio, ndr) hanno rivendicato i risultati ottenuti quando erano loro ad amministrare la città. “Questi risultati che oggi vediamo, quale i lavori su via Genova appena terminati, non appartengono a questa amministrazione – ha affermato Buzzi – L’amministrazione attuale può fare solo bella vetrina e promesse. Questa, invece, è la prima apertura del progetto Plus ed è un’opera concreta. Sicuramente ci saranno stati dei disagi per i cittadini, ma oggi ci troviamo con via Genova completamente ammodernata”.“Siamo fuori dall’amministrazione – gli ha fatto eco Fusco – ma non per questo non siamo interessati a Viterbo, anzi, siamo sempre impegnati. L’amministrazione attuale deve essere riconoscente, in quanto si stanno concretizzando le cose messe in atto dall’amministrazione Marini”.  L’ex sindaco di Viterbo, Giulio Marini rincara la dose: “I nostri concittadini non hanno ben compreso quello che noi abbiamo fatto. Abbiamo voluto investire sulla città, facendo delle scelte chiare, concentrandoci sul centro storico”. Una nota polemica poi Marini la esterna in merito alla recente visita del ministro Franceschini: “E’ stato accolto come il Papa, ho visto che si sono fatte cose commisurate a quelle che noi abbiamo fatto per il Pontefice. Sicuramente è una cosa stravagante perché di ministri a Viterbo ce ne sono già venuti molti”.  Ma tornando ai progetti per Viterbo, Marini afferma: “Noi vogliamo lanciare la sfida, ma per avere il centro storico che cambi occorrono degli investimenti. La Regione ci ha dato decine di milioni di euro da investire per il centro storico, vediamo se questa amministrazione sa totalizzare più di quello che siamo riusciti a portare a casa noi. I nostri progetti – incalza Marini – hanno avuto il consenso delle istituzioni e portato redditività a Viterbo. Vediamo ora quanti progetti di questa amministrazione si realizzeranno. Di parole se ne sentono tante, ma i fatti? L’unico fatto che ho visto è il definanziamento dell’aula del tribunale di piazza Fontana grande per spostarci gli uffici anagrafici. E’ irriguardosa una cosa del genere perché dopo un lungo iter procedurale per avere l’appalto di ristrutturazione di quell’aula, viene il tutto definanziato per il trasferimento degli uffici comunali. Tra l’altro non basteranno neanche quei soldi per questa operazione ed avremo un’opera incompiuta”. Marini, infine, annuncia un’altra imminente conferenza stampa per illustrare nel dettaglio ciò che questa amministrazione non ha fatto e lancia poi un allarme: “Il progetto dell’ascensore di valle Faul al Colle del Duomo è quello più delicato e denuncio la mancanza di attenzione da parte dell’amministrazione politica a far portare avanti i lavori per questa priorità. E’ l’opera più complessa – ribadisce Marini – e mi auguro che questa conferenza possa anche essere uno stimolo affinchè l’amministrazione attuale metta la sua attenzione a queste procedure. La superficialità con cui viene seguito l’appalto mette tensione”. Marini ricorda, infatti, come i fondi del progetto Plus (13milioni di euro) che sono stati destinati a Viterbo dalla Comunità europea saranno erogati solo se vengono realizzate le opere. In caso contrario dovrà pagare il Comune. Ed i tempi sono veramente ristretti perché la scadenza è il 31 giugno 2015.  “Ci vuole capacità politica per andare alla Regione Lazio e bussare alle porte, le autorizzazioni devono essere portate a compimento – incalza Marini, che ribadisce – La nostra è una sfida positiva all’amministrazione comunale. Se portano i soldi a Viterbo noi ne siamo felici, ma non possiamo più sopportare la mancanza di attenzione e le tante chiacchiere. Finora gli unici veri progetti realizzati sono i nostri e le pochissime risorse che ci sono sono state ben dissipate. E’ veramente preoccupante questo modo di fare”. Un esempio per tutti il verde pubblico: “Ad oggi – conclude Mariniancora non hanno contrattualizzato il taglio del’erba e siamo a fine maggio!”. E l’erba alta che si trova in giro per la città ne è la dimostrazione. Infine, tanto per ribadire che i progetti del Plus sono delle passata amministrazione a partire dal prossimo  martedì vedremo affissi per Viterbo dei cartelloni esplicativi come quello che stamani hanno mostrato in via Genova i quattro relatori. Per chi ancora non avesse capito…


Wanda Cherubini
Encatena - Your content marketing platform
1 COMMENT
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends