LiberoReporter

Tuscia: a pasquetta ‘Tesori d’Etruria’ organizza dei tour nella Viterbo sotterranea

viterbosotterranea02Oggi, Pasquetta, saranno in molti i viterbesi che si dedicheranno una giornata fuori dalle mura domestiche. E’, infatti, tradizione trascorrere il lunedì dell’Angelo con gli amici, facendo, tempo permettendo, delle scampagnate o andando al mare o al lago. Da quanto, comunque, hanno annunciato le previsioni meteo, la giornata di oggi sarà soleggiata in gran parte del Centrosud e con temperature gradevoli, che toccheranno anche i 27 gradi in Sicilia. Nel Lazio le temperature saranno in aumento, come nel restante Centrosud e si attesteranno sui 22 gradi. Tempo molto instabile, invece, sarà al Nord ed alta Toscana, a rischio pioggia, soprattutto al mattino. In queste zone, inoltre, si registrerà un calo delle temperature. Un’Italia, quindi, davvero spaccata in due, in quanto a clima, che condizionerà, pertanto, il modo di trascorrere questo giorno di festa. Ma le alternative alle classiche scampagnate non mancano. Da non dimenticare, infatti,  che oggi, come ieri, resteranno aperti in via straordinaria i museo ed i luoghi della cultura statali.
Nella Tuscia sarà così possibile viisitare il Palazzo Farnese di Caprarola (nella foto), il museo archeologico di Vulci a Canino, il Forte Sangallo ed il museo archeologico dell’Agro falisco a Civita Castellana, Palazzo Altieri ad Oriolo Romano,  l’area del Foro e le domus private della città romana di Volsiniii a Bolsena, l’area archeologica di Sutri, il museo nazionale di Tarquinia, la necropoli di Monterozzi (tombe e trusche) a Tarquinia, l’area archeologica Madonna dell’ulivo a Tuscania, il museo nazionale archeologico di Tuscania, il museo nazionale etrusco di Viterbo, Rocca Albornoz e Villa Lante a Bagnaia.
Inoltre, Tesori d’Etruria organizza dei tour nella Viterbo sotterranea (nella foto). Le visite guidate alla scoperta dei cunicoli tufacei avrà la durata di circa 20 minuti e riporterà indietro nel tempo i visitatori fino 2500 anni fa, quando gli Etruschi iniziarono ad utilizzare le grotte per il convoglio delle acque. L’ingresso è nel quartiere medievale, a piazza della Morte. Non c’è, quindi, che l’imbarazzo della scelta per trascorre una Pasquetta all’insegna del divertimento, ma anche della cultura.


Wanda Cherubini
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends