LiberoReporter

Egitto: a piazza Tahrir tornano i graffiti, al posto di Mubarak c’è Morsi




graffiti-piazza-egitto

Il Cairo, 1 lug. Tutto iniziò in questa piazza, luogo simbolo della rivoluzione: Tahrir. Nella piazza dove si sono consumati scontri e proteste, i graffittari avevano raccontato la fine di trent’anni di potere del raìs, Hosni Mubarak. Era il gennaio del 2011. Adesso a distanza di un anno dalle elezioni del presidente Morsi, l’Egitto torna in piazza a chiedere le dimissioni dell’uomo che incarna il partito dei Fratelli Musulmani. E piazza Tahrir torna ad essere simbolo di protesta; in concomitanza con la campagna “Tamarod” (Ribelle), il movimento che chiede le elezioni presidenziali anticipate, sono tornati in azione i graffittari, artisti che hanno però cambiato obiettivo: il bersaglio ora è proprio Morsi. Il volto di Mubarak, lentamente, ma inesorabilmente, si trasforma nel volto dell’attuale presidente, protagonista unico delle proteste di questi giorni.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends