LiberoReporter

Basta la semplice “promessa” anche riferita agli interessi di mora per commettere il reato di usura

INDENNITA_SCONFINAMENTOUna recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione N° 350/2013, ha sancito e confermato che per commettere l’odioso reato di usura, basta la semplice “promessa” anche riferita agli interessi di mora.  Nel momento in cui viene “convenuta” l’usura, il contratto è nullo e non sono dovuti interessi. Art. 644 C. P., art. 1 L. 24/2001 di interpretazione autentica, art. 1815 C. C. II° comma, sentenza N° 342 Corte d’Appello di Venezia.   Un caso di una possibile deflagrazione del mercato bancario sconvolgente, si è verificato a Padova, dove una piccola imprenditrice ha “promesso” alla Banca Popolare di Verona (Gruppo Banco Popolare) vantaggi usurari.  Dopo avere elencato tutti gli oneri a carico della correntista, sulla base di un documento di sintesi “parte integrante del contratto” ( con l’autorizzazione del 11/12/2007 dell’Agenzia delle Entrate di Verona 2 ) e sottoscritto da entrambe le parti, datato 28/12/2011, la banca si fa promettere, per “indennità’ di sconfinamento” da zero a 5 mila euro, 10 euro al giorno per un totale di 3.650 euro annui.

Nei trimestri in cui è rimasta scoperta per poco più di mille euro, le sono stati applicati pesantissime “indennità di sconfinamento con vantaggi usurari anche a tre cifre.  Un rapido calcolo fa schizzare l’usura “convenuta” da un minimo del 73% ad un massimo del 3650%.  Poco importa se nel documento c’è scritto che dovrà comunque rimanere entro la legge anti usura 108/96. Tanto è vero che una dettagliatissima perizia econometrico-matematica eseguita dal dottor Riccardo Tasca di Padova, ha evidenziato una devastante usura in tutti i trimestri esaminati con un minimo del 60%.  E’ chiaro ed evidente che quel documento di sintesi è stato allegato a tutti i contratti di conto corrente e poco importa la sua applicazione effettiva ai fini della legge.

Ne consegue che tutti i contratti con quell’allegato possono essere impugnati e conseguentemente il prestito diventa “gratuito” e si può chiedere la restituzione di quanto pagato per ogni voce di costo, indipendentemente dal superamento del tasso soglia di usura.

Due grandi avvocati, esperti in diritto bancario, stanno predisponendo la messa in mora della banca con la contestazione di carattere civile, ma soprattutto quella penale.

 

loading...
4 COMMENTS
  1. Mario Calvi Consulente Immobiliare

    Basta la semplice “promessa” anche riferita agli interessi di mora per commettere il reato di usura

  2. Renato Penna

    Speriamo che sia il momento buono per fare partire un vero Tsunami contro l'azione criminale di tutto il sistema bancario

  3. Andrea Tolin

    "Una recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione N° 350/2013, ha sancito e confermato che per commettere l’odioso reato di usura, basta la semplice “promessa” anche riferita agli interessi di mora. Nel momento in cui viene “convenuta” l’usura, il contratto è nullo e non sono dovuti interessi".

  4. Alfredo Belluco

    grandissima DANIELA RUSSO. Articolo perfetto bravissimaaaaaaaa

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends