LiberoReporter

Calabria: De Masi, sottoscritto primo mutuo, priorità a dipendenti




DEMASI

Gioia Tauro, 19 lug – “In merito all’annunciata chiusura dello Stabilimento di Gioia Tauro ed ai licenziamenti del personale, comunico con la presente lo stato delle cose: Ieri sera, giovedì 18 luglio, sono stato convocato per questa mattina in Prefettura ed informato ufficialmente che il Commissario Antiracket aveva deliberato un primo e provvisorio mutuo finalizzato a dare sostegno ai lavoratori. Questa mattina davanti ai funzionari della Prefettura ed un funzionario della Consap venuto da Roma, è stato quindi sottoscritto un primo mutuo di importo limitato che, così come previsto dalla legge, è destinato a degli obbiettivi specifici con i pagamenti che avvengono direttamente a favore dei beneficiari indicati nell’apposito elenco. Vista la limitata entità di questa operazione è stata data assoluta priorità, come sempre fatto, ai dipendenti e l’importo del mutuo sarà destinato direttamente a saldare le loro spettanze. Dopo la sottoscrizione degli atti ho incontrato S.E. il Prefetto Piscitelli che mi ha informato di quanto segue: L’operazione di oggi è un primo atto che tende a raffreddare la difficile situazione e dare respiro ai lavoratori. È intenzione Sua e del Commissario Antiracket, Prefetto Belgiorno, chiudere questa vicenda il più presto possibile, anche entro il 30 luglio. A tal fine lunedì 22 p.v. si riunirà in Prefettura il Nucleo di valutazione per cercare di definire l’entità complessiva del mutuo, che potrebbe andare in Comitato nella prossima settimana. Vista la complessità della vicenda gli uffici della Prefettura e del Commissario hanno fatto l’impossibile per arrivare ad una soluzione più rapida possibile. Nel rispetto dei vincoli formali imposti dalle leggi e da quanto indicato dalle sentenze, gli organismi preposti cercheranno di individuare la migliore soluzione che possa tutelare l’interesse pubblico ed i diritti dell’imprenditore. Ho detto e scritto a S.E. il Prefetto di Reggio che nonostante quanto avvenuto, io mi fido delle sue parole e mi affido nelle sue mani come Istituzione di questo Paese. In base a tutto ciò informerò i miei dipendenti e le OO.SS. di quanto segue: Rinvierò le mie decisioni ai prossimi giorni, in attesa di capire come si muoveranno le Istituzioni e se le promesse verranno mantenute. Verranno utilizzati intanto gli strumenti previsti dalle leggi con il ricorso provvisorio agli ammortizzatori sociali. Noi non abbiamo chiesto e non chiederemo “aiuti o elemosine” in quanto non abbiamo bisogno di assistenzialismo, ma solo del rispetto delle leggi. Le mie aziende hanno dignità, prodotti e tecnologie per stare, come sempre fatto, sui mercati mondiali. La nostra storia questo lo dimostra, ma questa azienda, io e tutta la mia famiglia siamo stati massacrati dalle illegalità subite, prima dalle banche e poi dalle Istituzioni che ci hanno negato i nostri diritti. Per noi parlano i fatti e le sentenze. Io spero che ognuno faccia il proprio ruolo e si assuma le proprie responsabilità, e si trovi una soluzione rapida nel rispetto proprio di quella legalità che tutti predichiamo”.

Antonino De Masi

1 COMMENT
  1. Giancarlo Porcini

    CHE IL CIELO SORRIDA AL NOBEL DE MASI , AI SUOI OPERAI ED ALLA SUA FAMIGLIA,.. CHE GIOIA TAURO RAPPRESENTI IL PRIMO PASSO PER FAR RITORNARE LE COSTITUZIONI E LA GIUSTIZIA NELLE SACRE AULE DEI TRIBUNALI !!!

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends