LiberoReporter

Afghanistan: a fine anno sicurezza del Paese affidata totalmente a forze militari afghane

Afghanistan-CarteDalla fine del 2014 gli afgani saranno responsabili della sicurezza del loro Paese. Il processo di pace avviato nel Paese, ormai da tempo, ha, secondo i protagonisti, raggiunto la sua ‘maturità’ ed è giunto il momento che gli afghani prendano in mano la situazione. Dal 2014  gli afghani saranno quindi responsabili della loro sicurezza senza più poter contare su aiuto esterno. Una consapevolezza più volte pienamente espressa dal presidente afghano Hamid Karzai e ribadita in un suo recente intervento affermando: “L’Afghanistan sarà sicuramente in grado di provvedere alla sicurezza della sua gente e del Paese”. Un esempio vivo di quanto affermato dal capo di stato viene dal fatto che il processo di transizione tra le forze della coalizione Isaf/Nato e le forze militari locali, l’Afghan National Security Forces (ANSF), procede spedito. Una transizione che nella regione ovest del Paese, affidata al contingente italiano,  è ormai quasi completata. Un grado di autonomia operativa e di coordinamento che le forze di sicurezza locali hanno raggiunto grazie al sostegno ricevuto proprio dal Military Advisor Team italiano. Segno tangibile della validità dell’impegno finora elargito dalla Nato nell’ addestrare ed equipaggiare le forze di sicurezza afghane. Un impegno che in molti si augurano continui anche dopo il 2014. Del processo di pace in Afghanistan si è parlato anche alla riunione ministeriale Nato tenutosi a Bruxelles il 23 aprile scorso. La riunione dei ministri degli Esteri dell’Alleanza Atlantica nel trattare la questione Afghanistan è stata allargata anche ai ministri degli Esteri dei Paesi che contribuiscono alla missione Isaf e al ministro degli Esteri afghano Zalmay Rasul. Seguita poi, da un incontro dello stesso presidente afghano Hamid Karzai, che insieme al suo ministro della Difesa, Bismillah Khan Mohammadi ha incontrato, in un trilaterale, il segretario di Stato americano John Kerry e il capo dell’esercito pachistano Ashfaq Kayani e il segretario degli esteri, Jalil Abbas Jilani. Un tentativo quest’ultimo, per cercare di mediare una riappacificazione fra Pakistan e Afghanistan che è causa di ulteriore destabilizzazione dell’area. I rapporti tra i due Paesi confinanti, che condividono 2.400 chilometri di frontiera, si sono recentemente ulteriormente deteriorati per lo scambio reciproco di accuse di violazione dei confini e di costruire installazioni militari nella zona di frontiera. Un attrito alimentato anche dal terrorismo transfrontaliero. Negli ultimi mesi militari afghani e pachistani sono venuti più volte in contatto. L’ultimo episodio nei primi giorni del mese di maggio al confine della provincia orientale afghana di Nangahar dove si è svolta una vera e propria battaglia durata delle ore. Come sempre le cause scatenanti sono le profonde divergenze legate alla costituzione appunto di passaggi e posti di controllo militari lungo la contestata, solo da Kabul, ‘Durand Line’, la linea di confine che divide dal 1893 i due Paesi asiatici. L’episodio ha ulteriormente aggravato i già difficili rapporti bmilitari_afghaniilaterali tra i due Paesi asiatici e giunge inappropriato proprio nel momento in cui si media invece, affinchè le due parti trovino un accordo. In Pakistan vi si trovano circa 2,6 milioni di rifugiati afghani. In seguito a questo ultimo episodio il presidente Karzai ha inviato i Talebani a rivolgere le loro armi con i nemici dell’Afghanistan. “Invece di uccidere il loro stesso popolo e distruggere il loro Paese, devono rivolgere le armi contro chi complotta contro il progresso e la prosperità afghana”, ha dichiarato Karzai. Come se non bastasse il tentativo politico di riconciliazione con i talebani in Afghanistan è sempre di più in stallo. Proprio nei giorni scorsi gli insorti hanno annunciato un’imminente ‘offensiva di primavera’ contro il governo afgano, le forze Nato e i loro centri diplomatici, minacciando l’uso di kamikaze e di agenti ‘infiltrati’. Nel frattempo c’è la conferma che entro la fine del 2014 ci sarà  il ritiro della Nato e dei suoi alleati dall’Afghanistan. Un ritiro dal Paese asiatico che è già in corso da tempo e che a fine anno sarà in pratica completato anche se non si esclude la possibilità che venga lasciato un piccolo contingente Nato nel Paese. Questo, ovviamente, solo se ci sarà una richiesta esplicita in tal senso da parte del governo di Kabul. In merito si è espresso il mese scorso a Bruxelles  Mario Monti:  “Non si può continuare senza limite la presenza e l’intervento nel Paese, ma nessuno vuole dissipare l’investimento di vite umane, risorse e impegno costato finora”.  Parole che hanno trovato enorme consenso tra tutti i protagonisti della missione miliare in Afghanistan. Una missione il cui costo in vite umane e impegno ha raggiunto davvero cifre eccezionali. A pagare il tributo più alto il contingente statunitense che ha lasciato sul terreno ben 2215 soldati seguito a ruota da quello britannico che ha perso 4militari morti in Afghanistan44 militari di sua Maestà. In  totale finora i Afghanistan hanno perso la vita ben 3299 militari della coalizione appartenenti ai diversi Paesi che ne fanno parte. Una vera e propria mattanza che sarebbe vanificata se un domani quello che si è riuscito finora a costruire in nel Paese crollasse sotto i colpi dei Talebani. La Coalizione militare internazionale presente in Afghanistan ha proprio ieri vissuto una di quelle giornate definite ‘nera’. In una serie di attentati, che probabilmente rientrano nell’annunciata ‘Offensiva di Primavera’ dei talebani, sono morti ben sette militari della coalizione militare. In un sol colpo ben cinque militari Nato sono morti nell’esplosione di un ordigno nel sud dell’Afghanistan. I 5 erano tutti di nazionalità americana. Poi, si è verificato anche un nuovo episodio di ‘insider attack’. Si tratta di un tipo di attacco portato da un soldato afghano contro militari Nato e per questo denominato anche ‘green on blu’. I militari della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza, Isaf, uccisi erano anche in questo caso degli americani. Nel solo 2012 questi ‘insider attack’ sono stati la causa della morte di almeno il 15% dei militari straniere uccisi in Afghanistan ossia oltre 60. Un aumento preoccupante visto che in tutto il 2011 i morti legati al fenomeno erano stati invece, ‘solo’ 35. Questi ultimi morti portano il bilancio delle vittime straniere in Afghanistan, negli ultimi sette giorni, a 19, conteggiando anche i militari morti in seguito a tre diversi incidenti aerei avvenuti nei giorni scorsi nel Paese asiatico e i tre soldati britannici uccisi lo scorso martedì dallo scoppio di una mina nella provincia meridionale di Helmand. Poi, conteggiando il militare ucciso stamani durante un attacco degli insorti nell’Afghanistan settentrionale, nei primi 5 giorni del mese di maggio sono morti già 8 militari stranieri, quasi tutti statunitensi, che vanno ad aggiungersi al pesante bilancio di vittime tra i militari Nato in Afghanistan nei tredici anni della cosiddetta  ‘Missione di Pace’ nel Paese asiatico.

Ferdinando Pelliccia

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends