LiberoReporter

Il candido malizioso: Le beatitudini




paese-italia-attende

Le beatitudini

Beati coloro che coltivano la voluttà dell’attesa.
(Jean Josipovici, Citera, 1989)

“Attendere”: è diventato il termine infinito di questo allucinante periodo.
Si è votato il 26 e 27 febbraio: non c’è ancora il nuovo governo; e ci si accapiglia in maniera vergognosa sul candidato al Quirinale. Al momento tutto lascia supporre che, nell’epoca del “nuovo”, avremo un vecchio politicante come presidente della Repubblica (Prodi? Probabile).
Intanto Alberto Stasi, dopo due sentenze di assoluzione per l’omicidio della fidanzata Chiara Poggi, si è fermato al terzo gradino (quello della Cassazione): processo da rifare.
Sono passati 5 anni e 8 mesi dall’atto criminoso: sembra si siano dimenticati di esaminare un capello nelle mani della vittima. C’è un processo, salvo quelli dove vi è la confessione, che si concluda in maniera ‘lineare’? Però abbiamo un invidiabile record europeo: secondo un rapporto della Fondazione Rosselli, la permanenza media di un italiano davanti alla Tv è di 253 minuti al giorno.
Beati coloro che coltivano la voluttà dell’attesa: tra un programma e l’altro.
Danilo Stefani

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends