LiberoReporter

A Roma si parla di Khojaly, la strage dimenticata

khojaly1Italia. Lunedì 4 marzo 2013 dalle ore 09.30 alle ore 13.30 presso la Sala Del consiglio della Camera di Commercio di Roma (Piazza di Pietra ingresso da via de Burrò, 147 ) si terrà un seminario pubblico dal titolo: “Violation of human rights in warfare. The Khojali massacre – A Srebrenica in the Caucasus?”. All’incontro parteciperanno il professor Antonello Biagini, prorettore alle Relazioni internazionali e ordinario di Storia dell’Europa orientale della Sapienza Università di Roma, il professor Sergio Marchisio ordinario di diritto internazionale della Sapienza Università di Roma, il professor Ljubomir Frckoski ordinario di diritto internazionale e diritti umani dell’Università di Skopje, il dottor Aaron Rhodes del Freedom Rights Project e il dottor Azad Jafarli esperto di diritti umani e diritto internazionale.

Nella notte tra il 25 e il 26 febbraio 1992, durante la guerra del Nagorno Karabakhh, le milizie armene spalleggiate dall’esercito russo assaltarono la città azerbaigiana di Khojaly compiendo una vera e propria strage di massa nei confronti della popolazione civile, allo stesso modo e per gli stessi obiettivi per i quali veniva compiuta la pulizia etnica nei territori della ex-Jugoslavia.

Il bilancio di Khojaly, secondo gli osservatori internazionali, segnava 613 vittime civili tra i quali 83 bambini e migliaia di prigionieri e profughi non ancora tornati alle proprie case. Secondo gli osservatori indipendenti è stato il più grande massacro di civili del conflitto che oppose Armenia e Azerbaigian dal 1992 al 1994 e che ancora oggi resta uno dei più pericolosi “conflitti congelati” del pianeta.

A oltre due decenni dagli avvenimenti il comitato italiano Helsinki per i diritti umani, da decenni impegnato su questi temi, intende proporre una riflessione sulla “Srebrenica del Caucaso” soprattutto dal punto di vista del diritto e del ruolo della comunità internazionale, della protezione dei diritti umani e della prevenzione di altri eventi del genere.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends