LiberoReporter

Calciomercato Inter: gennaio grasso, poker di colpi. Ecco i nomi

A gennaio nuovi innesti per Stramaccioni, sarà infatti un calciomercato con l’Inter protagonista in ogni reparto. Sul taccuino di Branca un poker di nomi. Ecco i candidati…

Moratti e Strama: Inter, a gennaio quattro colpiQualche giorno fa avevamo azzardato qualche ipotesi sulla campagna acquisti in fase di pianificazione nella testa di Moratti e Stramaccioni. Avevamo detto che la vittoria nel derby ha rappresentato l’ennesima iniezione di fiducia nei confronti del tecnico romano, una sorta di consolidamento a lunga conservazione del rapporto di stima fra presidente e allenatore che nelle prossime settimane dovrebbe sfociare in trattative di calciomercato in grado di portare all’Inter gente adatta all’obiettivi stagionali: vincere l’Europa League, lottare fino alla fine per i vertici della classifica e piazzarsi almeno al terzo posto valido per i preliminari di Champions. Stramaccioni non è dunque chiamato a vincere lo scudetto al primo tentativo, Moratti non lo ha chiesto e non se lo aspetta nemmeno dopo il filotto di vittorie arrivate con il cambio di modulo e il conseguente passaggio dalla difesa a quattro a quella a tre che l’anno scorso aveva triturato Gian Piero Gasperini. In corso Vittorio Emanuele sanno bene che questo è l’anno della ricostruzione, la dirigenza cerca in ogni frangente di scaricare tecnico e squadra da inutili pressioni: sono altri, in fondo, i candidati a stravincere tutto quest’anno. Detto questo, a gennaio il mercato nerazzurro sarà di attesa o andrà in pressing sugli obiettivi? Da quello che ci risulta, Moratti sembra intenzionato a prendere di petto almeno quattro piste per arricchire l’organico a disposizione di mister Strama e non si tratta in tutti i casi di ottimi prospetti soprattutto per il futuro. Almeno due colpi avranno caratteristiche già pronte per dare un contributo importante per il finale di stagione: Paulinho e Jung. Il poker sarà completato da un altro tedesco, Herrmann centrocampista del Monchengladbach, e da una punta.

Paulinho, un volante per Strama. La situazione Paulinho la conosciamo tutti, il volante brasiliano ha da poco rinnovato con il Corinthians dopo che il club di San Paolo ne aveva rilevato il 50% del cartellino dal fondo BGM (l’altra metà appartiene ancora al gruppo Audax), la scadenza del contratto è fissata al 2015 ma esiste una clausola rescissoria che ad oggi ammonta a 15 milioni di euro ed è irrimediabilmente destinata a calare dopo il mondiale per club quando basteranno 12 milioni per portare Paulinho alla corte di Stramaccioni. Branca e Ausilio presto torneranno in Brasile per puntellare l’operazione con il Corinthians, è questo infatti l’ultimo ostacolo, per altro leggerino, da superare. Infatti solo due giorni fa Paulinho ha ammesso di voler lasciare il suo club a dicembre e di aspettare l’Inter dopo il rifiuto spedito all’indirizzo dei nerazzurri nel luglio scorso. Lo stesso Corinthians ha parlato di situazione in divenire e di disponibilità a lasciar partire un giocatore che manifesti queste intenzioni. Affare, dunque, in attesa solo della concretizzazione anche se i responsabili di calciomercato nerazzurri dovranno chiudere in fretta per evitare probabili aste europee. Inter perciò decisa a muoversi già nelle prossime settimane per chiudere il cerchio Paulinho.

Jung, opzione vs rinnovo. Il capitolo Jung resta ancora un’incognita dal punto di vista della trattativa, la scorsa estate Inter e Eintracht Francoforte avevano discusso parecchio del laterale destro tanto è vero che si parlava di opzione in favore dei nerazzurri in caso di cessione a partire dalla finestra successiva di mercato, ovvero da gennaio. Ad oggi l’operazione non sarebbe ancora scattata ufficialmente per un motivo ben preciso: la proposta di rinnovo inviata dal club tedesco a Sebastian Jung. In definitiva, sarebbe questo l’unico ostacolo all’arrivo in nerazzurro dell’ottimo terzino tedesco, infatti Jung potrebbe essere portato a proseguire la sua avventura in Germania per garantirsi ulteriori margini di crescita che magari volando nella Serie A sarebbero compromessi. Un timore legittimo ma che con un lavoro di fino da parte dei dirigenti interisti può essere certamente superato. L’acquisto di Jung prevede un investimento di circa 6-7 milioni di euro.

Solo giovane promessa? Altro nome proveniente dalla Bundesliga è quello del centrocampista in forza al Borussia Monchengladbach, Herrmann. Giovanissimo anche lui, ma già con uno score di presenze importante nella massima serie tedesca, Herrmann sembra avere maggiori possibilità di vestire il nerazzurro rispetto a Jung se no altro per la forte apertura dei suoi dirigenti che non ne hanno escluso affatto la partenza durante il calciomercato invernale. Inter che non si fermerà a Paulinho, Jung ed Herrmann perchè Stramaccioni si aspetta anche un attaccante che possa accettare la condizione di panchinaro e per questo prontissimo anche a subentrare al massimo della condizione fisica e mentale.

La sicurezza del vice. Un perfetto e consapevole vice Milito, o vice Palacio che dir si voglia, difficile però da trovare in giro soprattutto fra i giovani già in fase di lancio definitivo. Per questo l’orientamento in casa Inter è quello di puntare su gente esperta come Denis, ma qui l’Atalanta chiede un fracco di milioni per un ultra-trentenne seppure bravo, o Pinilla per il quale sarebbe un ritorno nel club che lo ha lanciato nel calcio che conta. E proprio il cileno sembra il giocatore più vicino al passaggio in nerazzurro durante la campagna acquisti di gennaio. Insomma, Moratti e Stramaccioni hanno tracciato le linee guida che Branca e Ausilio dovranno seguire nelle prossime settimane per raggiungere certi obiettivi. Il poker di nomi c’è, ma occhio al jolly che il mercato calciatori ci ha insegnato a non sottovalutare mai.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends