LiberoReporter

Tutti a scuola…

Il caso del giovane di Loreggia in provincia di Padova, deciso a lasciare la scuola per la grave situazione economica della famiglia. L’appello del sindaco e la solidarietà degli italiani.  L’istruzione è davvero un diritto per tutti? In tempo di crisi pare proprio di no.

Il caso del giovane studente di Loreggia in provincia di Padova (comune purtroppo a tanti altri), ne è la conferma. Se ancora una volta gente comune, padri e madri, negozianti, piccoli imprenditori non fossero intervenuti offrendo un aiuto concreto, la famiglia dello studente citato sarebbe stata costretta a ritirare il figlio dall’Istituto per Geometri di Padova (nonostante il buon profitto scolastico del ragazzo), perché nell’impossibilità di far fronte alla spesa per l’acquisto dei libri e dell’abbonamento dell’autobus.

Fabio Bui, sindaco di Loreggia, dopo l’ennesima richiesta di aiuto da parte delle famiglie del luogo, decide di aprire un conto corrente per garantire, ai giovani del paese, un’istruzione.

Cominciano così ad arrivare aiuti addirittura fuori dai confini regionali. Le donazioni, sul conto corrente “Diritto allo studio in tempo di crisi”, fioccano. Il primo cittadino, incredulo e commosso da tanta generosità, assicura che sarà garantito un controllo capillare sulla destinazione di questi fondi, i quali verranno assegnati alle famiglie bisognose non sotto forma di denaro bensì di materiale occorrente, abbonamenti per trasposti pubblici o pagamenti di rette scolastiche. Per contribuire questo l’IBAN:

IT 39 Y 084 29 62 420 00000 A C 50000 Banca di Credito Cooperativo Alta Padovana agenzia Loreggia.

Dunque il giovane studente di Loreggia potrà frequentare l’ultimo anno delle superiori e diplomarsi grazie alla generosità della gente. E come lui altre famiglie del paese potranno iscrivere i figli alla mensa scolastica, acquistare i libri e ricevere l’abbonamento annuale per il trasporto pubblico.

Pare proprio che, ancora una volta, il buon cuore degli italiani si sia sostituito ai doveri di qualcuno.

Emanuela Biancardi

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends