LiberoReporter

Misteriosa moria di pinguini lungo le coste del Brasile

La misteriosa morte di centinaia di pinguini nel  sud del Brasile al confine con Uruguay e Argentina ha messo in allarme la comunità  scientifica internazionale. Nelle ultime settimane al largo delle coste dello  stato brasiliano di Rio Grande do Sul nei pressi delle spiagge di Quintao e  Tramandai sono stati infatti, ritrovati morti almeno 500 esemplari di giovani  pinguini di Magellano, Spheniscus magellanicus. Si  tratta di una specie molto diffusa lungo le  coste marine meridionali dell’America del Sud,  Cile e Argentina in particolare e isole Falkland. Questi uccelli acquatici ogni anno, in questo  periodo, dopo aver nuotato per diversi di chilometri, approdano sulle coste  meridionali del Brasile. Si tratta di una migrazione stagionale per  allontanarsi dalle più fredde acque della Patagonia in Argentina, le cui  temperature in questo periodo sono polari e per cercare cibo. Per scoprire le cause della morte dei pinguini si  sono messi all’opera i ricercatori dell’Università Federale di Rio Grande do  Sul, UFRGS. Gli studiosi stanno svolgendo accurate indagini per individuare le  cause della morte degli uccelli. Per ora tra le tante ipotesi avanzate quella più  plausibile è che la loro morte dei pinguini sia stata causata dalla presenza  umana o presenza di petrolio nelle loro acque. I risultati ufficiali dell’indagine non saranno  però, disponibili prima di un mese. Di recente una quarantina di pinguini provenienti  dalla Patagonia si sono spinti, nuotando,  per la prima volta fino alla spiaggia di Ipanema a Rio de  Janeiro dove sono ovviamente giunti sfiniti ed indeboliti dalla lunga nuotata.  Una dimostrazione questa che la loro situazione  non è delle più favorevoli e che li spinge anche ad agire in maniera avventata. In un recente studio compiuto dagli studiosi delle  Università di Losanna e di Strasburgo è pubblicato dalla rivista ‘BioMed  Central’ si parla di stress a cui sono sottoposti i pinguini a causa della  presenza umana nel loro habitat. I pinguini sono minacciati soprattutto da  cause di origine antropica come lo scioglimento dei ghiacci antartici. A  minacciare questi uccelli acquatici è però, anche l’uomo. In passato i pinguini  sono stati cacciati dall’uomo per le loro piume e per estrarre olio dai loro  corpi e per secoli i marinai hanno fatto razzia delle loro uova, distruggendo  intere colonie.

P. F.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends