LiberoReporter

Roma: da domani alla Sala Santa Rita “I mercoledì del libro d’arte”

(AGENPARL) – Roma, 08 mag –  Fedele alla propria naturale vocazione artistica, la Sala Santa Rita (Via Montanara adiacenze p.zza Campitelli) di Roma dedica, a partire da domani fino a dicembre 2012, un mercoledì al mese ai libri d’arte pubblicati dalla piccola e media editoria romana nella forma di saggio artistico–letterario, artistico–critico, monografia d’arte.
L’idea è di promuovere, attraverso il commento del testo, l’incontro con l’autore e il reading, l’editoria artistica e i movimenti che documentano la grande vivacità culturale romana.
Gli incontri propongono una lettura dinamica del libro, affidando a specialisti del settore letture di brani e commenti delle opere con l’obiettivo di favorire una più ampia visibilità alle pubblicazioni dedicate all’arte contemporanea, in particolare alle edizioni dei piccoli e medi editori. S’intende così offrire al pubblico, specialistico e non, una maggiore conoscenza delle teorie, oltre alla possibilità di entrare in contatto con il mondo dell’arte romano.
L’iniziativa, a cura di Roberta Perfetti con Paola Passiante, è promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale – Dipartimento Cultura – U.O. Gestione Spazi Culturali in collaborazione con Biblioteche di Roma e Museo Laboratorio dell’“Università La Sapienza”, con il supporto organizzativo dell’Associazione Italiana Editori. Organizzazione di Zètema Progetto Cultura.
Di seguito il programma degli incontri:
-Domani alle ore 18.30, Lorenzo Cantatore ed Edoardo Sassi (a cura di) “Palma Bucarelli. Immagini di una vita” Palombi Editore, Roma, 2011
Biografia di Palma Bucarelli (1910-1998) raccontata attraverso 400 scatti fotografici inediti, epistolari e appunti di diario. La vita di un personaggio del nostro tempo può essere raccontata in tanti modi. Per Palma Bucarelli si è deciso di far parlare soprattutto le immagini attraverso i ricordi personali. L’idea è dimostrare come, a partire da questi straordinari documenti, sia possibile ripercorrere, oltre agli avvenimenti strettamente legati all’arte, anche molti dei passaggi significativi della storia italiana del XX secolo: gli anni del fascismo, la Liberazione, lo scandalo Montesi, il boom economico, il Sessantotto,restituendo un volto a personaggi oggi pressoché dimenticati.
Saranno presenti gli autori Lorenzo Cantatore e Edoardo Sassi, Angelo Bucarelli con testimonianze artistiche di Nicola Carrino e Francesco Guerrieri.
-6 giugno, ore 18.30, Marco Tonelli (a cura di) “Pascali. Catalogo generale delle sculture dal 1964 al 1968” De Luca Editori d’Arte, Roma, 2011.
Pino Pascali, nato a Bari nel 1935, durante la sua breve attività di scultore, ha prodotto circa 150 opere,molte delle quali costituiscono delle vere e proprie icone dell’arte italiana del XX secolo. Il giorno della scomparsa – l’11 settembre del 1968 – coincise anche col momento del suo più grande riconoscimento pubblico: la Sala personale della Biennale di Venezia e l’assegnazione postuma del Gran Premio di Scultura. Da allora intorno alla sua figura si è creato quasi un alone mitico, come mitici e ancestrali sono stati i temi trattati nella sua opera: rovine antiche, dinosauri, grandi animali, elementi della natura, ricostruzioni primitive, ai quali vanno aggiunti i pezzi anatomici femminili e la fin troppo celebre serie di armi. Il catalogo generale è testimonianza documentata di tutta la produzione di questo artista, senza prendere in considerazione la parte grafica, legata alle sue esperienze nel campo della pubblicità e della televisione. I saggi in catalogo del curatore, Marco Tonelli – che ha curato anche tutti gli apparati scientifici – e di due compagni di strada dell’artista, Fabio Sargentini (gallerista di Pascali) e Vittorio Rubiu (il critico che più di tutti ne ha scritto), definiscono in modo netto i confini della sua opera plastica, quella che ha dato a Pascali fama duratura e destinata ormai ad affiancarlo a nomi del calibro di Burri, Fontana, Manzoni e Boetti.
Saranno presenti l’autore Marco Tonelli con Vittorio Rubiu e Fabio Sargentini Bucarelli con testimonianze artistiche di Gianni Dessì.
– 4 luglio, ore 18.30, Simonetta Lux, Antonella Antezza, Cristina Cannelli, Alessandro Zuccari (a cura di) “Con l’arte da disabile a persona. Mostrare, svelare, costruire, liberare, pensiero, intelligenza,sentimento” Gangemi Editore – Roma, 2009 (con altri testi).
“Con l’arte, da disabile a persona” racconta, attraverso 20 storie emblematiche di persone inserite nei Laboratori artistici della Comunità di Sant’Egidio, come sia possibile svelare, costruire, comunicare e liberare il pensiero, l’intelligenza, il sentimento di persone considerate a torto prive di tali potenzialità e per questo normalmente marginalizzate, se non recluse. Come vedremo dalle biografie, dalle interviste, dagli scritti e dalle opere, insomma dal racconto che possiamo ricostruire di questo lungo processo che è naturalmente in pieno corso ed aperto, gli uni “raggiungono”, scoprono, catturano gli altri su un piano di reciprocità e parità, ora casuale ora mirato e il primario scopo è raggiunto: la felicità di vivere, comunicare, agire, creare, abitare. In questi traguardi, rivelazioni e accettazioni reciproche, ad un certo punto c’è la scoperta e la iniziazione al mondo dell’arte, alla storia prima e poi alla contemporaneità e alla pratica stessa del fare arte.
-Settembre 2012  Elena Del Drago, “Francesco Arena”  (Exorma Edizioni, Roma, 2011).
– Ottobre 2012 Fabrizio D’Amico, “Scialoja. Le carte”  (De Luca Editori d’Arte, Roma, 2011)
– Novembre 2012,Francesco Franco, “Baldo Diodato” (Exorma Edizioni, Roma, 2011)
– Dicembre 2012,Lucia Collarile (a cura) “Roma Visionaria. Le facce di Roma” (Giulio Perrone Editore, Roma, 2011).
Lo rende noto Roma Capitale – Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends