LiberoReporter

Amministrative 2012. Campania: i risultati nei 16 comuni con pìù di 15mila abitanti

In Campania il 6 e il 7 maggio scorso si è votato in 90 comuni, nessun capoluogo di provincia. Sedici di questi erano al di sopra dei 15mila abitanti.

Dei 90 Comuni in cui si è votato 28 sono in provincia di Salerno, 21 nella provincia di Napoli, 19 in Terra di Lavoro ,13 in provincia di Avellino e 9 nel Sannio.

Mentre le elezioni sono state revocate  per inflitrazioni camorristiche, in quattro comuni, Casal di Principe, Casapesenna, Castel Volturno e Pagani.

Tra due settimane, il 20 maggio prossimo, in 5 dei  16 comunivcon più di  15mila abitanti si andrà al ballottaggio.

Un turno di ballottaggio che si terrà il 20 e il 21 maggio prossimi e interesserà i comuni di Acerra, dove si sfideranno il candidato del Terzo polo Raffaele Lettieri appoggiato da Udc, Api, sei liste civiche e Fli, al 37,88% e 12.166 voti, e del Pdl Antonio Crimaldi appoggiato anche da Udeur, Noi Sud e alcune civiche,  al 32,73% e 10.513, di Cardito dove Giuseppe Cirillo sostenuto da Pd, Idv e Fli, al 44,05% e 6.162 preferenze, se la vedrà con Francesco Pisano, Pdl, sostenuto anche da Api, Udc e civiche, al 30,12% e 4.214 voti, di Volla dove la sfida continua tra Angelo Guadagno, Pd Sel e Idv, al 37,52% e 4.768 voti, e Salvatore Ricci, Pdl e Udeur al 29,16% e 3.706 consensi, di San Giorgio a Cremano dove il sindaco uscente Domenico Giorgiano del Pd appoggiato da Sel, Idv, Fli e Api, ha raggiunto solo il 49,69 per cento e 13.252 consensi, mentre Aquilino Di Marco appoggiato da Udc e quattro liste civiche si è fermato al 32, 24 per cento e 8.570 preferenze. Al ballottaggio anche nel salernitano con Nocera Inferiore, dove il candidato di Fli e Udc Manlio Torquato che al primo turno è arrivato al 42,7% e 12.875 voti se la vedrà il 20 maggio con  Luigi Cremone, che guida un cartello di sole liste civiche e che si è fermato al 34,42% e 10.364 consensi.

San Giorgio a Cremano e Volla con Sant’Antimo, Torre Annunziata e Torre Del Greco  erano comuni commissariati.

Negli altri 11 Comuni invece, il sindaco è stato eletto al primo turno.

Ad Agropoli stravince invece, Francesco Alfieri, sostenuto da Pd, Sel, Psi, Udc e due liste civiche, con l’88,99% delle preferenze e 11.859 voti.

A Capaccio è sindaco Italo Vozza con il 69,84% e 9.504 voti. A sostenerlo una serie di liste civiche.

A Casavatore Salvatore Sannino si attesta al 54,85% con 6.098 preferenze a capo di una coalizione di centrosinistra con Pd, Api, Fli, Udc, Prc, Pdc, Idv, Sel e Nuovo Psi.

A Frattaminore è stato eletto Vincenzo Caso che raggiunge il 60,88% e 6.364 preferenze. A sostenerlo liste civiche, Psi, Udc, Api e Idv.

Nel comune di Ischia è sindaco Giuseppe `Giosi’ Ferrandino, sostenuto da sei liste civiche appoggiate da democratici e pidiellini, che raccoglie il 70,57% e 8.858 voti.

Il Pdl si afferma nel casertano dove ad Aversa il candidato sindaco Giuseppe Sagliocco, sostenuto anche dall’Udc Udeur, Nuovo Psi e
alcune civiche, vince al primo turno con il 56,96 per cento e 17.648 consensi e a Mondragone, in cui Giovanni Schiappa, sostenuto da una coalizione di centrodestra con Pdl, Psi e alcune civiche, vince con il 50,43 per cento e 7.580 consensi.

L’alleanza tra il centrosinistra e i moderati si afferma nei due principali Comuni campani al voto. A Pozzuoli Vincenzo Figliolia è il nuovo primo cittadino con il 67,80% e28.380 preferenze. A sostenerlo Pd, Udc, Sel, Idv, Verdi e una lista civica e a Torre del Greco dove è sindaco Gennaro Malinconico con il 52,26% e 24.975 preferenze. Ad appoggiarlo Udc, Idv, Pd, Sel e diverse civiche.

A Sant’Antimo invece, è sindaco Francesco Piemonte del centrodestra Pdl, Udc, Nuovo Psi e civiche con 12.252 di voti e il 61,62%.

A Torre Annunziata si riconferma Giosué Starita con il 52,01% e 12.370 consensi. Lo sostenevano Api, Udc, Noi Sud, Fli, Nuovo Psi e
alcune liste civiche.

A Capaccio nel salernitano invece la sfida è stata tutta tra liste civiche, ed ha visto la vittoria netta di Italo Voza con il 69,8% dei voti.

Visti i risultati raccolti dalle altre compagini politiche è l’asse Pd-Udc che in pratica può definirsi il vincitore delle elezioni amministrative in Campania.

In Campania invece, nessuno dei sei candidati sindaci del Movimento 5 Stelle è riuscito a mettere a segno lo stesso risultato ottenuto dagli altri candidati nelle altre regioni italiane.

Successo invece, per la lista Noi Sud Libertà e Autonomia di cui è leader l’ex sottosegretario agli Esteri Enzo Scotti e coordinatore regionale il deputato Antonio Milo. I candidati a sindaco sostenuti dal partito si sono affermati in molti Comuni della Campania e in altri sono al ballottaggio.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends