LiberoReporter

Crisi: Adiconsum, le nostre richieste al governo Monti




(AGENPARL) – Roma, 30 apr – “Il livello di tassazione”, dichiara Pietro Giordano, Segretario generale di Adiconsum, “ha raggiunto ormai livelli insopportabili soprattutto per i lavoratori dipendenti, i pensionati e le fasce più deboli del Paese. Non è possibile continuare a rastrellare risorse sui soliti noti”.

“Aumento delle accise, dell’Iva e l’Imu, rischiano di mandare in default”, continua Giordano, “le famiglie italiane e quindi il Paese, ormai immerso in una recessione che rischia di diventare stagnazione. I consumi sono tornati a 30 anni fa, il numero delle persone in cassa integrazione è in continua crescita e le piccole e medie imprese continuano a chiudere, determinando, a loro volta, disoccupazione, cassa integrazione e mobilità. Accise, Imu, tassazioni locali e balzelli fiscali, peseranno nel 2012 circa 1500 euro a famiglia”.
“Adiconsum – conclude Pietro Giordano – chiede al Governo Monti di intervenire urgentemente su 10 punti:
1. liberalizzazione immediata dell’esazione fiscale togliendo a Equitalia il monopolio molto oneroso per i cittadini derivante dagli interessi che finiscono con rasentare i limiti dell’usura;
2. accorpamento delle Provincie salvaguardando i livelli occupazionali esistenti in tali Enti locali, e operando una redistribuzione che favorirebbe maggiori servizi ai cittadini e ai consumatori;
3. soppressione immediata dei tanto enti inutili come ad esempio Comunità montane localizzate al mare che hanno unicamente funzioni clientelari e che non sviluppano servizi ai cittadini;
4. abbattimento di tutti i Consigli di amministrazione inutili e onerosi sulle controllate, municipalizzate degli Enti locali;
5. dimezzamento dei contributi elettorali e loro ritorno alla funzione di sostegno alla democrazia con il controllo della Corte dei Conti e la rendicontazione delle spese effettuate dai partiti finalizzate unicamente allo sviluppo della democrazia e non alla capitalizzazione del patrimonio dei partiti;
6. intensificazione alla lotta all’evasione fiscale attraverso accordi con la Svizzera sul modello tedesco che permettano “l’emersione” del fisco evaso e del denaro riciclato;
7. abbattimento, attraverso la lotta all’evasione, delle aliquote Irpef consentendo la liberazione di risorse economiche per le famiglie e quindi la ripresa dei consumi;
8. abbattimento dell’Imu e incremento della tassazione sui grandi patrimoni spesso frutto di agevolazioni inique nei confronti di chi ha già tanto;
9. investimenti in infrastrutture liberando le risorse della Cassa depositi e prestiti e defiscalizzando gli investimenti nelle aree deboli del Paese ad iniziare dal Sud;
10. reali liberalizzazioni dei carburanti, delle professioni (come gli avvocati, i notai, etc), dei taxi, etc., tornando ed attuando il primo documento sulle liberalizzazioni esitato dal Governo Monti e poi bloccato da lobby e caste”.

Tagged with: , , ,
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends