LiberoReporter

Afragola (NA): amianto davanti scuola media ‘Settembrini’

Da numerosi giorni davanti alla scuola media statale ‘Settembrini’ in Corso A. De Gasperi in Afragola (NA) è stato abbandonata vicino al contenitore per la raccolta del vetro un canna fumaria in Eternit.

A pochi metri dal luogo  vi è ubicato anche il poliambulatorio  e la sede della locale ASL oltre che un posto di primo soccorso.

L’abbandono di un materiale così pericoloso, perché contiene amianto, in un luogo frequentato da tanti ragazzi e non solo è un fatto di inaudita gravità.

Probabilmente  qualcuno approfittando della notte, ha abbandonato il pezzo di canna fumaria nel primo posto che gli è capitato a portata di mano, potrebbe essere un residente come anche qualcuno venuto da altra parte. Mentre avrebbe dovuto invece, per legge comunicare alla ASL di avere dell’eternit da smaltire, ma in questo modo è più sbrigativo ed economico disfarsene.

Purtroppo il luogo dove è stato depositato il pericolosissimo materiale è un luogo dove la gente è solita depositare furtivamente i rifiuti. Pertanto
alla persona che doveva disfarsi della canna fumaria in eternit il posto è sembrato l’ideale senza però, considerare che si trova a due passi  dall’entrata di una scuola. La cosa o non lo ha preoccupato per niente oppure da ignorante e incivile quale è non ha capito la gravità del suo gesto.

Qualcuno sembra sia  intervenuto, non è dato però, sapere chi.

Il pezzo di canna fumaria infatti, appare avvolto da un nastro giallo con una dicitura in nero: ATTENZIONE PERICOLO AMIANTO.

Poca cosa se si pensa agli alti rischi per la salute che questo piccolo oggetto, depositato davanti ad una scuola frequentata da giovani e non solo, può arrecare.

Andava rimosso celermente ed invece, dopo avervi apposto il nastro con la dicitura ATTENZIONE PERICOLO AMIANTO a quanto pare è finita lì.

Secondo informazioni attendibili il nastro è stato apposto almeno dallo scorso sabato per cui, da allora, sono trascorsi ben 4 giorni.

E’ grave molto grave!

Interpellato il comando della Polizia locale pur mostrandosi disponibilissimi hanno indicato come responsabile per competenza l’ufficio comunale del Servizio Igiene Urbana e Tutela Ambientale, l’Ufficio Ispettivo Ecologia e le Attività Produttive a cui sede è in via Olmo in Afragola (NA) di cui è responsabile l’Arch. Giuseppe De Luca. In particolare dell’ igiene urbana e tutela ambientale il cui responsabile è il
dott. Aniello Castaldo.

La domanda sorge spontanea: Cosa fanno queste due tecnici comunali? La canna fumaria in eternit depositata davanti ad una scuola
doveva essere immediatamente rimossa essi si dovevano mobilitare  per far rimuovere dal marciapiede l’amianto.

Ed invece giace li in quel luogo di certo da sabato scorso. Si potrebbe essere portati a credere che forse non sono stati avvisati dai loro subordinati del fatto, diversamente non hanno scuse. In tal caso un provvedimento disciplinare deve essere immediatamente preso nei confronti del responsabile di tale mancanza.

Quello dell’amianto è ormai un’emergenza, che non può essere affrontata in maniera così blanda. Subito anzi subitissimo si doveva provvedere alla rimozione e alla bonifica dell’area.

Ci troviamo in un luogo frequentatissimo da giovani alunni di una scuola posta a due passi ed anche se  la presenza di manufatti in amianto non costituisce di per sé un pericolo almeno immediato in quanto questo sorge se lo stato di conservazione del manufatto non è buono.

Se la canna fumaria è crepata, rotta, spaccata allora è molto pericoloso perchè rilascia nell’aria le famigerate fibre di amianto.

Quella in questione sembra intatta, almeno per ora, ma chi impedisce a qualche sprovveduto di romperla così anche per gioco.

La rimozione obbligatoria per legge scatta solo se il manufatto è danneggiato, ma perché aspettare e correre rischi?

Chi ha abbandonato l’eternit davanti alla scuola abbandonano o per strada ha commesso un reato e per questo è da condannare, ma ancora di più chi non interviene a salvaguardare la salute dei cittadini specie se è questo il suo compito.

Il fenomeno dell’abbandono di materiale in eternit, altamente pericoloso, è un fenomeno in costante crescita sul territorio afragolese per cui l’Amministrazione comunale dovrebbe cominciare a pensare di adottare  dei provvedimenti atti a dissuadere chi è propenso a questo modo di comportarsi per disfarsi del pericoloso materiale.

Ferdinando Pelliccia

Encatena - Your content marketing platform
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends