LiberoReporter

La vita ‘difficile’ dei calciatori del Napoli

Quando il troppo calore dei tifosi rischia di  diventare asfissia.

“Napoli è bellissima, ma non possiamo uscire. Io voglio vivere solo in pace con la mia famiglia, qui a CastelVolturno posso farlo e mia moglie può passeggiare senza problemi.”

Lo ha dichiarato Walter Gargano durante  un’ intervista rilasciata ad un’emittente  televisiva .

Ad un certo coro  “martiri all’ombra del Vesuvio” ecco, anche il centrocampista uruguaiano.

Una vita “difficile” quella vissuta dai calciatori del Napoli nella città di Napoli.

Tanto, troppo calore.

Si rischia di rimanerne asfissiati.

Eppure, quest’ennesima esternazione di insofferenza per la venerazione che il popolo partenopeo nutre per i suoi  campioni, potrebbe iniziare a sortire l’effetto “in”desiderato.

I veri tifosi napoletani si mostrano molto infastiditi al cospetto di queste dichiarazioni e che siano proprio i loro beniamini più intoccabili a dichiararle è un qualcosa che li delude tanto.

E’ innegabile che, in diversi frangenti, l’input decisivo per ribaltare i risultati è giunto proprio grazie al “ruggito del San Paolo”, da quella spinta incessante di quel pubblico che, sovente i giocatori stessi aizzano ed invocano con gesti che richiamano ed esaltano quel loro impeto, affinché li affianchino e li sostengano.

E loro non rispondono mai: “no, sono stanco. No, domani devo andare a lavorare, la voce mi serve.”

Loro rispondono: “Sempre presente.” “Sempre al tuo fianco”.

Però, poi, slacciate le scarpette, è meglio appendere al chiodo anche la riconoscenza e non ripagare con affetto e rispetto, quell’impagabile amore viscerale ed incondizionato, invidiato ed ammirato da tutte le squadre del mondo, perchè peculiare di questo popolo, capace di trattarli come vere e proprie divinità, dentro e fuori dal campo.

Ed, inoltre, questo attacco al fanatismo esasperante della tifoseria napoletana, inizia a non trovare riscontro nella realtà.

Lo certifica la lunga ed indisturbata passeggiata sul lungomare di Mergellina che papà Hamsik si è concesso un lunedì, scarrozzando il piccolo Lucas, godendosi  sole e tranquillità.

E, ancora di più, lo  dimostrano le infinite foto che Lady Gargano posta su Twitter.

Dalle quali non si evince  il dramma di una giovane ragazza costretta a vivere segregata tra le mura  domestiche, bensì la quotidianità di una persona che conosce bene le vie dello  shopping partenopeo, che ama improvvisarsi guida turistica per mamma e papà  Hamsik e che non disdegna di frequentare i locali più rinomati della  ristorazione napoletana.

Ancora un sabato pomeriggio  all’insegna dello shopping e del relax, all’interno dell’ outlet “La Reggia”,  sito a Caserta, incontrare i coniugi Gargano, con il piccolo Mathias,  in compagnia di Miguel Angel Britos e la sua compagna Virginia.

Calciatori e rispettive  compagne passeggiavano divertiti ed indisturbati e lo stesso Gargano si  è perfino sorpreso allorquando mi sono avvicinata per scambiare con loro  qualche battuta ed immortalare l’incontro con una foto.

Mentre Britos  credeva che non lo avessi nemmeno riconosciuto come un calciatore azzurro.

Reazione indicativa del  fatto che, forse, questi ragazzi non sono così abituati a convivere con questi  opprimenti bagni di folla, come, invece, descrivono o meglio vorrebbero lasciar credere e che, forse, sarebbe, pertanto appropriato che venisse iniettata loro  un’endovena di umiltà, affinché tornino nel mondo dei vivi, con i piedi ben  saldi per terra.

Che il popolo di fede  azzurra arda di passione per la sua squadra e, di riflesso, per i suoi DEGNI  rappresentanti, è un dato di fatto assodato, ma estremizzare questo  concetto portandolo all’esasperazione, appare ancor più eccessivo e fuori luogo

 Gennaro Napoletano

Tagged with: , ,
loading...
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends