LiberoReporter

Enrica Lexie: cambiano gli atteggiamenti della diplomazia italiana

 

Fino al momento della sua audizione in Parlamento il ministro degli Esteri, Giulio Terzi aveva tenuto un comportamento che teneva evidentemente conto del peso e della situazione sul campo indiano.

Una situazione assai pesante che vedeva coinvolta una nave italiana, la MN Enrica Lexie della società armatrice F.lli D’Amato di Napoli, e ben 11 italiani, 5 membri equipaggio e 6 marò in servizio di scorta a bordo, di cui 2 in carcere, erano praticamente alla mercè delle autorità indiane dello stato federale del Kerala.

Il numero uno della Farnesina ha mostrato con le autorità indiane la fermezza necessaria, mettendo sempre in primo piano la volontà  di non esacerbare i toni, allo scopo appunto di non esasperare le Autorità indiane.

Improvvisamente l’altro ieri, il Ministro, che è anche un blasonatissimo diplomatico di lungo corso, ha affermato che la nave Enrica Lexie si trova in porto a Kochi e i due marò in carcere grazie ad un sotterfugio e ad un’azione coercitiva, che ha indotto i militari italiani a scendere a terra, attuati dalle autorità indiane.

ha ricostruito le tappe della vicenda partendo fin dalle prime fasi, e durante l’intervento  al Senato ha affermato: “L’ingresso della Enrica Lexi in acque indiane è stato il risultato di un sotterfugio della polizia locale, in particolare del centro di coordinamento della sicurezza in mare di Bombay che aveva richiesto al comandante della Lexie di dirigersi nel porto di Kochi per contribuire al riconoscimento di alcuni sospetti pirati. Sulla base di questa richiesta, il comandante della Lexie, acquisita l’autorizzazione dell’armatore decideva di dirigere la nave in porto. Inoltre il comandante della squadra navale e del Centro operativo interforze della Difesa non avanzavano obiezioni, in ragione di una ravvisata esigenza di cooperazione antipirateria con le autorità indiane, non avendo nessun motivo di sospetto”. Il ministro ha poi, anche sottolineato come la
consegna dei marò italiani alle autorità indiane è avvenuta per effetto di evidenti, chiare azioni coercitive da parte delle autorità indiane. “Un’azione coercitiva portata avanti da oltre trenta uomini armati della sicurezza indiana, saliti a bordo per prevalere i due marò e portarli a terra nonostante la ferma opposizione delle nostre autorità presenti”.

Un cambio, quello che si nota nell’atteggiamento del capo della diplomazia italiana, forse dettato dal fatto che l’Italia ha ormai incassato la solidarietà della comunità internazionale che si è schierata tutta al suo fianco nella vicenda della Enrica Lexie e dei due marò in carcere in India. Attenzione però che questa nuova sicurezza assunta nel confermare i fatti, peraltro realmente accaduti,  non porti a un maggiore scontro con le Autorità indiane, ottenendo così l’effetto non voluto.

Nonostante che ci siano i due marò nelle mani degli indiani e un’inchiesta in corso dalla parte della magistratura  del Kerala che  vuole giudicare i nostri militari per duplice omicidio,  anche il Ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, uomo di grande esperienza, prende la medesima posizione del Ministro Terzi.  L’Ammiraglio alla guida del ministero della Difesa, di fatto, nel corso della sua audizione al Copasir ha confermato la versione fornita dal suo collega di governo, Terzi.  In sostanza, afferma che le autorità indiane hanno usato l’inganno per far tornare indietro la Enrica Lexie e che i due marò italiani sono stati costretti a scendere a terra con la forza per poi essere arrestati e messi in prigione, accusati  della morte di due pescatori e che la decisione di deviare dalla rotta per andare verso terra è stata presa dall’armatore del mercantile.

Di certo queste affermazioni, con accuse ben precise a determinate entità che sono, alla luce dei fatti, in una posizione predominante a prescindere da chi ha provocato la condizione, non aiuta di certo a stemperare gli animi.

Da quello che dicono e fanno si evince che gli indiani sono di tutt’altro parere.

Un caso molto complesso quello della  Lexie  che ha  portato anche alla luce un evidente ‘buco’ nella legge 130 del 2011  che prevede appunto un servizio antipirateria offerto dalla Marina Militare Italiana, dove non contempla le regole essenziali, facilmente ipotizzabili in un servizio di sicurezza così importante.

Nell’occasione di questa tragedia sono ripartiti alla carica anche quelli che da sempre sostengono l’idea che a bordo dei mercantili di scorta devono salirci guardie armate private.    E così il calderone della confusione e della poco chiarezza aumenta insieme al vorticoso giro d’affari che il problema della pirateria ha sempre alimentato.

Ci sono però, anche altri che si preoccupano di questa tragedia,   che guardando  al lato spirituale dell’uomo  cercano di lenire le loro pene.  Proprio ieri il presidente della Cei, il card. Angelo Bagnasco a proposito dei due marò in carcere in India ha affermato: “Preghiamo il Signore perchè ispiri i responsabili a trovare le vie rapide e migliori perchè si risolva questo delicato problema. Pregheremo per loro, per le loro famiglie, i loro cari, e per i nostri militari in Italia e all’estero in queste difficili missioni di pace di ordine e di consolidamento”. Con l’Apostolato del Mare,  la Cei,  sviluppa una sua attività grazie alla quale si esprime, si organizza e si sviluppa la materna sollecitudine che la Chiesa rivolge ai marittimi e naviganti, i quali non possono usufruire dei consueti servizi della cura pastorale. Un’attività molto ‘apprezzata’ dalla Confederazione armatori italiani, Confitarma.

Ci sono poi, anche quelli che invece, in tutta questa vicenda ci vedono qualcosa di strano, che non torna.

Sempre ieri il presidente vicario dei deputati dell’IdV, Fabio Evangelisti ha affermato: “Ministro ci permetta di non essere soddisfatti dalla sua informativa sull’uccisione di Lamolinara in Nigeria e sull’arresto dei due marò in India. Capisco il bicameralismo perfetto ma avrei preferito che il suo discorso uscisse arricchito dagli interventi dei colleghi in Senato. E mi aspettavo di più anche sulla ricostruzione delle due vicende. Sui
marò lei ha parlato di ‘sotterfugio’ ma è difficile credere che si sia trattato di sotterfugio. C’è qualcosa che non torna in questa vicenda, anche per quanto riguarda la filiera di comando. Chi ha dato l’autorizzazione per entrare in porto e per abbandonare l’imbarcazione? Ci sono sicuramente delle responsabilità da accertare. E perché, torniamo a chiedere, non è stata eseguita l’autopsia sul corpo dei due pescatori indiani? Non ci stanchiamo poi di ripetere che l’accertamento dei fatti, e delle responsabilità, spetta agli organismi italiani. Abbiamo il dovere di reclamare la nostra autorità”.

Una insoddisfazione, quella espressa da IdV, che è comune anche a tanti altri attori della vita sociale e civile italiana e in particolare ai lavoratori del mare che finora sembrano tenuti in disparte, nonostante che  5 di loro siano  trattenuti in India insieme alla nave e ai marò.

Ferdinando Pelliccia

 

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends