LiberoReporter

Siria: ministri esteri UE aumentano pressione su Damasco

Bruxelles, 27 feb – Una tregua umanitaria in Siria è “assolutamente indispensabile”, soprattutto “dopo quello che stiamo vedendo ad Homs dove la Croce Rossa non riesce neppure a entrare”. Lo ha detto oggi a Bruxelles il Ministro degli Esteri, Giulio Terzi, che ha partecipato al Consiglio Affari Esteri. “Dopo la conferenza di Tunisi di venerdì scorso – ha detto Terzi – la coalizione politica dei Paesi che sostengono il piano d’azione della Lega Araba si è estremamente rafforzata e quindi esiste una condizione di carattere generale che va sempre di più in direzione di un abbandono del potere da parte di Assad, ma è ancora tutto da vedere”. Rispondendo ad una domanda sulla inefficacia delle sanzioni, Terzi ha detto che “non vi sono altre modalità se non quella dell’intervento militare, che nessuno si augura per il momento”.

Il Consiglio Affari Esteri ha approvato oggi nuove sanzioni contro il regime siriano. Le misure includono il congelamento dei beni della Banca Centrale Siriana, il divieto di transazioni di oro e altri metalli preziosi, il divieto di voli cargo trasportati da vettori siriani e misure restrittive individuali per sei Ministri del Governo di Assad. “L’Ue – si legge nella conclusione approvata oggi – continuerà la sua politica di imposizione di ulteriori sanzioni contro il regime, non contro la popolazione civile, fin tanto che la repressione continuerà”. I Ministri degli Esteri dei 27 hanno inoltre riconosciuto il Consiglio Nazionale Siriano – la piattaforma che riunisce gli oppositori di Assad – come rappresentante legittimo dei siriani “in cerca di un cambio democratico pacifico”.

Video dichiarazione Giulio Terzi (Min. Aff. Esteri) – (AGENPARL)

loading...
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends