LiberoReporter

Poche informazioni sulle cure di fine vita

La medicina moderna ancorché tecnologica non è infallibile, è bene che le persone lo sappiano. Ma spesso anche i medici dimenticano o omettono di discutere la possibilità che un intervento chirurgico possa avere esito negativo, lasciare degli esiti, non riuscire completamente, garantire un periodo di vita ma non la restituzione della salute. Parliamo qui in particolare dei medici americani  il cui comportamento è stato osservato e riportato nella rivista Annals of Surgery: i colleghi anglosassoni omettono di interrogare il paziente su eventuali direttive anticipate, le stesse individuate nel ‘testamento biologico’ e delegano poi a familiari gran parte delle decisioni. La dottoressa Schwarze dell’Università del Wisconsin ha sottoposto un questionario di 14 domande a 912 chirurghi che eseguono interventi rischiosi di routine su come discutono con i loro pazienti le direttive anticipate e su come le informazioni acquisite influiscono sulla propria decisione di operare. Quattro su cinque chiedono ai pazienti quale forma di supporto della vita desiderano sia loro applicata, ma meno della metà approfondiscono temi come l’alimentazione forzata o l’uso della ventilazione per mantenere l’organismo in vita in caso di mancanza di coscienza. Metà dei chirurghi inoltre dice che non vorrebbe operare soggetti che non accettano misure di sostegno della vita e che chiedono quindi di non essere rianimati in caso di eventi avversi. Molte persone infatti non accettano terapie di sostegno a seguito di interventi ad alto rischio e questi argomenti etici sono motivo di tensione tra curanti e malati. I cardiochirurghi sono più propensi a rinunciare all’intervento perchè sanno che possono insorgere complicazioni cerebrali che lascerebbero il paziente in uno stato vegetativo permanente. Ma non discutere questi aspetti non elimina il problema, lo rimanda solamente. Sarebbe invece opportuno coinvolgere il paziente e la sua famiglia in queste delicate decisioni in modo che anche il chirurgo sia più sereno su cosa potrebbe accadere nel caso in cui l’intervento non vada completamente a buon fine. Purtroppo però la comunicazione medico-paziente così importante in questo rapporto è ancora la grande esclusa dai programmi di formazione universitaria.

Johann Rossi Mason

loading...
RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends