LiberoReporter

Napoli: polemiche tra pastori e presepi

Montano le polemiche a Napoli per l’incapacità dell’amministrazione  comunale a gestire il problema delle strade strette, e della localizzazione delle bancarelle specie quelle senza autorizzazione.

Proprio quello dell’ abusivismo dilagante tra le vie della città è uno dei problemi irrisolti della città all’ombra del Vesuvio. Un problema che trova il suo apice in concomitanza con le festività. Infatti, a Napoli, con l’inizio del periodo delle ‘feste natalizie’ sono triplicate le bancarelle abusive. Nella ‘filosofia’ dei napoletani è convinzione che il Comune come sempre, per queste feste natalizie, lascerà in pace gli abusivi, liberi di ‘lavorare’ e guadagnarsi qualcosa. Per cui in tanti si ‘inventano’ bancarellari.

Ad essere ‘presi d’assalto’ le vie dello ‘struscio’ ed in particolare i vicoli della passeggiata pre-natalizia tra i presepi e i pastori. San Gregorio Armeno e San Biagio dei Librai sono infatti, in questi giorni già impercorribili e come ogni anno vedranno affluirvi migliaia di persone da ogni parte d’Italia e del mondo, forse.

La ‘via dei pastori’ in particolare, è diventata un vero e proprio ‘mercato’. Ovvio che tutto questo ‘annebbia’ la bellezza e la magia che invece, rappresenta agli occhi del mondo San Gregorio Armeno.

Nel giorno dell’Immacolata l’assessore comunale alla Sicurezza, Giuseppe Narducci ha voluto  verificare di persona  ed ha compiuto un giro per le vie e vicoli di Napoli raccogliendo dati su cui poi, con molta probabilità imposterà la sua azione. Almeno si spera. Lo scopo dovrebbe essere stato infatti, quello di verificare soprattutto la regolarità delle attività commerciali. Il Comune è ovvio cerca di sdrammatizzare il problema. Un problema che  però, è reale ed è sotto gli occhi di tutti. Come sempre sono iniziate le lamentele  da parte di chi,  visitatori e turisti , cercano di fare la tradizionale passeggiata pre-natalizia tra i presepi e i pastori. In tanti, se non tutti, ‘inveiscono’ contro l’amministrazione cittadina che, per loro, non riesce a gestire il problema delle strade strette, della localizzazione di bancarelle specie quelle  senza autorizzazione. Alla  fine  lo ‘struscio’ diventa una fatica a cui di certo in tanti rinunceranno, crisi a parte.
Il caos registrato nel giorno dell’Immacolata, che da sempre rappresenta la ‘prova generale’, ne è la dimostrazione. Come gli altri anni si sono viste persone accalcate nei vicoli  dove una enorme folla è rimasta ferma tra via san Biagio e via san Gregorio Armeno senza poter andare ne avanti ne indietro. Ovviamente non sono mancate le scene di panico e qualcuno si è anche sentito male. Borseggiatori e ladri ringraziano l’amministrazione comunale.

f.p.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends