LiberoReporter

Perù: si toglie la vita ex presidente Garcia, stavano per arrestarlo

L’ex presidente del Perù Alan García è morto questa mattina intorno alle 10:35, dopo che era stato ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale Casimiro Ulloa di Lima. Garcia intorno alle 6,45, si è sparato un colpo di pistola alla testa, per evitare l’arresto. Era indagato per corruzione nello scandalo sulla società di costruzioni brasiliana Odebrecht, quando alla porta si sono presentati gli agenti per arrestarlo, ha chiesto di poter chiamare il suo avvocato e si è spostato nella stanza a fianco, dove pochi secondi dopo si è udito lo sparo che gli ha trapassato il cranio. Le sue condizioni sono da subito considerate disperate e non è servita ne la corsa all’ospedale e neppure l’operazione a cui è stato sottoposto. Tre ore dopo l’arrivo al nosocomio della capitale peruviana, il suo cuore ha cessato di battere. Alan García aveva 69 anni ed era sotto inchiesta per il più grande scandalo che ha colpito l’America Latina nel 2016, dopo che i vertici della società di costruzioni brasiliana avevano pubblicamente denunciato di aver vinto parecchi appalti nell’area grazie al pagamento di parecchie tangenti a politici locali. L’ex presidente aveva chiesto asilo politico all’Uruguay lo scorso anno, ma dalla capitale uruguayana gli negarono il permesso di entrare nel loro paese.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends